Hai cercato

Pittore

Arnaldo De Lisio


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Arnaldo De Lisio

( Castelbottaccio (Campobasso) 1869 - Napoli 1949 )

Pittore

    Arnaldo De Lisio

    Arnaldo De Lisio nasce in un paesino vicino Campobasso nel 1869, da un poeta e da una musicista che lo avviano agli studi classici. Nel 1889 si trasferisce a Napoli per frequentare l’Istituto di Belle Arti, dove ha come maestri Domenico Morelli e Gioacchino Toma.

    Esordisce alla Promotrice napoletana del 1888 con Speranze…!, mentre nel 1890 presenta Dies Nigra, nessuno dei quali ci è pervenuto, insieme a gran parte della sua produzione giovanile. Nel 1891 espone Nell’azzurro e nel 1897 Suonatrice di tamburoRitardatarioUltimo inverno.

    Quest’ultimo dipinto, in deposito a Palazzo Chigi, è l’unico che conosciamo della sua prima produzione, evidentemente influenzato dal cromatismo di Morelli, ma anche dall’interesse verso la questione sociale di Gioacchino Toma.

    Nel 1899 compie un viaggio a Parigi, insieme ai suoi amici Antonio Mancini, Pietro Scoppetta e Raffaele Ragione. Se fino a questo momento i suoi dipinti erano incentrati su un verismo di stampo partenopeo, tutto legato a scene aneddotiche di vita quotidiana, a Parigi la sua poetica subisce un forte cambiamento.

    Entra in contatto con Giuseppe De Nittis e con la sua maniera impressionista. Inizia ad utilizzare l’acquarello e una tavolozza luminosa e variegata, che piace sostanzialmente al mercato alla moda europeo.

    Le tematiche cominciano ad indirizzarsi verso la vita mondana, i caffè, le strade parigine, come è ben visibile nei dipinti Place de la ConcordeCaffè parigino e Interno di Caffè, realizzati durante la sua permanenza in Francia.

    Rientrato a Napoli nel 1902 continua a far rievocare suggestioni del soggiorno, tanto che alla Promotrice del 1904 presenta Come perle e Impressione di Parigi. All’inizio del Novecento, però, sente anche il bisogno di frequentare il suo paese d’origine in Molise, Castelbottaccio, e di dedicarsi anche a vedute e scene di Napoli, diverse da quelle dei primi anni, perché arricchite di una tavolozza, di una luminosità e di una perizia tecnica notevolissime.

    Nel 1906 a Napoli espone Impressione di Napoli, mentre a Milano Prima dell’alba al mercato dei rigattieri. La sua pittura, dagli anni Dieci in poi, spazia dalle nature morte, alle impressioni ad acquarello, a piccole scene, a ritratti di grande raffinatezza, alla decorazione di ambienti.

    All’Esposizione di Napoli del 1911 presenta una serie di tre Impressioni del paesaggio e della costa napoletana e Una festicciuola d’autunno. Nel 1912 Piccole Anime e nel 1913 Presentazione.

    Nel frattempo, svolge anche l’attività di decoratore, soprattutto in Campania e in Molise, in più, realizza le Allegorie della Campania e della Basilicata per i corrispettivi padiglioni delle regioni all’Esposizione di Roma del 1911.

    Alla Mostra napoletana del 1920 fanno la loro comparsa quattro tra le più significative impressioni di Arnaldo De Lisio: MergellinaSulla spiaggia di MergellinaMarechiaro e Barche.

    Nel 1924 affronta anche l’argomento storico con le tele I funerali del Conte VerdeCelestino V ad Isernia ed Il riscatto di Campobasso dal dominio feudale, dando loro un carattere fresco e moderno.

    Due anni dopo, decora il Teatro Sociale di Campobasso con Il trionfo del Sannio, mentre alle esposizioni continua a presentare dipinti luminosi e frizzanti come CortileBaracca d’ostricaroMarina di PosillipoMarina di Torre del Greco e Convalescente. Muore a Napoli nel 1949.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Arnaldo De Lisio


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.