Hai cercato

Pittore

Augusto Bastianini


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Augusto Bastianini

( Monteguidi Val d'Elsa (SI) 1875 - Firenze 1938 )

Pittore

    Augusto Bastianini

    Augusto Bastianini nasce a Monteguidi Val d’Elsa, nei pressi di Siena, nel 1875. A partire dal 1891 si iscrive all’Accademia di Firenze, dove studia al seguito del pittore di storia Giuseppe Ciaranfi. Tuttavia, nella maturità artistica, si distacca da questo genere per addentrarsi nella pittura di paesaggio, grazie alla vicinanza a Niccolò Cannicci.

    Quest’ultimo infatti, molto amico di Bastianini, lo incoraggia ad intraprendere la strada del naturalismo, notate le sue spiccate doti cromatiche. Bastianini, non abbandonerà mai comunque la perizia tecnica nella resa disegnativa, ereditata molto probabilmente da Ciaranfi.

    Esordisce all’Esposizione Annuale di Firenze con Calma vespertina Preludio d’inverno, ma il vero successo giunge due anni dopo, quando vince il concorso Lazzaretti di Siena con L’annuncio della disfatta di Marciano, soggetto ispirato alle vicende storiche e belliche della Siena del Cinquecento.

    Nello stesso anno, a Firenze espone altri due soggetti storici tra cui Unica speranza, mentre nel 1901 fa la sua comparsa il dipinto Cleopatra, ricco di suggestioni ancora romantiche. Il colore però risulta ormai modernissimo nella sua stesura ampia e libera, come si verifica nell’opera Luci della sera, esposta alla Biennale di Venezia del 1903. Sono gli anni in cui, vinto il pensionato, soggiorna a Roma fino al 1910 per perfezionarsi.

    È proprio in questo momento che si converte definitivamente alla pittura di paesaggio, pur lavorando spessissimo anche come ritrattista. Nel 1906 a Firenze invia Ritratto del prof. Mario ChiniMonteguidi sotto la neve (impressione)SeraTempo grigio e Ultima luce, tutte impressioni dal vero che denunciano la sua definitiva adesione al naturalismo.

    Lo studio della luce e delle variazioni atmosferiche risulta preponderante nella sua produzione, spesso ispirata anche al mondo del lavoro, alla vita degli operai, dei pescatori e dei contadini toscani. Questa spiccata vena verista compare in dipinti quali Pescatori che acconciano le retiRenaioli nell’ArnoLa tritaOperaia a lavoro.

    Partecipa alla prima mostra della Secessione romana del 1913 con Le ferrature del bove e alla Fiorentina Primaverile del 1922 con BoviAlpi Apuane Sulla Spiaggia. La grande forza della luce emerge da una pennellata ricca e pastosa partecipe della modernità del Novecento pur affondando le sue radici nella tradizione realista toscana.

    Pescatori, renaioli, studi di barche e di marine lo accompagnano per tutti gli anni Trenta, mentre è insegnante di figura all’Accademia fiorentina. Muore a Firenze nel 1938.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Augusto Bastianini


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.