Hai cercato

Pittore

Augusto Burchi


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Augusto Burchi

( Firenze 1853 - 1919 )

Pittore

    Augusto Burchi

    Augusto Burchi, pittore decoratore toscano, domiciliato in Firenze, ove nacque il 12 febbraio 1853; giovinetto quindicenne perdette il padre negoziante, onde gli convenne interrompere gli studi, e allogarsi presso un semplice decoratore, per recare alcun sollievo col proprio lavoro alla famiglia.

    Studiò da se, senza frequentare l’Accademia di Belle Arti, osservando, ricordando e confrontando, ponendo mente sopra ogni cosa alle belle cose del Medio Evo e del rinascimento.

    Dopo tre anni di lavoro assai modesto cooperò sotto la direzione del professor Gaetano Bianchi al restauro del cortile e agli sguanci delle finestre nella Sala del consiglio del Palazzo Vecchio di Firenze, al cortile della villa della Petraia, e al riordinamento del quartiere prefettizio nel Palazzo Riccardi. Lasciato quindi il Bianchi, incominciò a lavorare da se ed ebbe tosto una serie di commissioni importanti.

    Decorò a buon fresco il Salone del consiglio provinciale di Cosenza, in collaborazione con l’Andreotti e col compianto Bandinelli, artisti esimii; in collaborazione col proprio maestro Bianchi il salone nel palazzo del marchese Ginori; poi, da solo, la villa del Salviatino a Majano di proprietà del conte Pio Resse, lavoro rilevante nel quale il Burchi ebbe ad impiegare quattro anni.

    Scoprì e restaurò gli affreschi di Lorenzo Monaco nella cappella Bartolini Salimbeni in Santa Trinita; così restaurò tutte le altre cappelle della chiesa, cioè quella Strozzi col dipinto del Poccetti, la cappella Bombeni ora Corsini, la cappella Davanzati, ora Forges Davanzati, la cappella Spini ora Masetti, che ha dipinto di nuovo a buon fresco, non essendosi ritrovate pitture antiche, la cappella Ardinghelli ora Sala, ed altre che il Burchi sta compiendo.

    Fin dall’anno 1885, il Burchi attende pure alle ricche decorazioni pittoriche ed architettoniche, ora quasi ultimate nel palazzo dei marchesi Strozzi di Mantova; e al ripristinamento di parecchie sale del palazzo del principe Piero Strozzi, nello stile del secolo XV, arduo lavoro, nel quale il Burchi va ritrovando ingegnosamente lo stile e i disegni delle antiche finestre, imbotti, stucchi, affreschi, disegni di stoffe, camini, biblioteca del sontuoso Palazzo.

    Ricordiamo ancora le decorazioni murali che il Burchi sta compiendo nel Castello di Acquabella a Vallombrosa di proprietà del conte Pio Resse, e alcune decorazioni nel palazzo del conte Bastogi.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.