Hai cercato

Pittore

Beniamino De Francesco


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Beniamino De Francesco

( Barletta 1815 - Dinard, Francia 1869 )

Pittore

    Beniamino De Francesco

    Beniamino De Francesco nasce a Barletta nel 1807 da una nobile famiglia che riconosce ben presto le sue doti artistiche. Molto giovane, si trasferisce a Napoli per frequentare l’Accademia di Belle Arti, sotto la guida di Anton Sminck van Pitloo.

    Subito influenzato dalla pittura ampia e atmosferica del maestro, esordisce alla Mostra Borbonica del 1833 con alcuni paesaggi: Veduta dal Tempio di Serapide in PozzuoliVeduta di PosillipoBambocciata alluso romano, in cui si veggono alcune danze accompagnate dal suono d’istrumenti ed infine Paesaggio al chiaro di luna con alcune figure, dipinto che colpisce particolarmente il Re tanto da acquistarlo.

    Le caratteristiche della Scuola di Posillipo, dunque, sono tutte contenute nella prima produzione di Beniamino De Francesco, come si nota anche dalle opere che espone alla Mostra Borbonica del 1835, Veduta delle Catacombe di San GennaroVeduta della Punta della Gajola a PosillipoPaesaggio al chiaro di luna con cielo tempestoso e Torquato Tasso a Sorrento.

    Si tratta di una serie di vedute dal carattere ancora romantico, ma con una grande sensibilità nei confronti delle variazioni luministiche e cromatiche, spesso presentate senza contorni, come pure macchie di luce, anticipatrici del verismo successivo.

    Nell’edizione del 1837 della Biennale Borbonica, Beniamino De Francesco ottiene un enorme successo con le cinque tele presentate, in particolare con Veduta con serpente, indice delle ricerche tonali dell’artista, al pari della Marina de dei due Studi di prati e piante che rivelano la sua attenzione per le specie botaniche e dunque uno studio molto dettagliato dal punto di vista naturalistico.

    Bertel Thorvaldsen nel 1836, aveva proprio notato questa sperimentazione verista di De Francesco nel dipinto Paesaggio con mulattiera e nel Paesaggio con Enea e la Sibilla entrambi acquistati dallo scultore stesso. Da Napoli De Francesco si sposta a Roma e poi a Firenze, dove ottiene l’apprezzamento del granduca di Toscana che acquista per le sue collezioni un Paesaggio romano del 1838.

    Nel 1839 a Firenze espone Valchiusa col Petrarca, nel 1841 Tasso nel giardino di Villa d’Este e nel 1842 Michelangelo nella casa di Seravezza. L’anno successivo si stabilisce in Francia, precisamente in Bretagna. Espone ai Salon parigini dal 1843 al 1867, ma nel frattempo continua ad inviare opere alle Esposizioni Borboniche.

    Ad esempio a quella del 1845 invia Studio di varie piante con fanciulli che scherzano in un pratoStudio di un albero di sambucoCortile d’una casa ruraleStudio di piante eseguito nel Real Orto botanicoVeduta di un campo con quercia e vacche in uno stagno. Nei Salon espone soprattutto paesaggi istoriati, coniugando costantemente visione naturalistica e temi letterari e storici.

    Nel 1855 prende parte all’Esposizione Universale di Parigi e contemporaneamente alla Mostra Borbonica, con alcune vedute bretoni come Scena d’autunnoFanciulli a caccia di farfalle Raccolta dei pomi. Con soggetti simili partecipa anche all’Esposizione Nazionale di Firenze del 1861, mentre al 1866 risale la sua ultima apparizione pubblica, presso la Promotrice napoletana istituita con lo Stato unitario. Vi espone altri due paesaggi bretoni: Un ruscello – campagna di Dinard e Casa di campagna dell’Autore. Muore a Dinard nel 1869.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Beniamino De Francesco


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.