Hai cercato

Pittore

Carlo Bonatto Minella


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Carlo Bonatto Minella

( Frassinetto Canavese (Torino) 1855 - 1878 )

Pittore

    Carlo Bonatto Minella

    Carlo Bonatto Minella era nato nel 1855 a Frassineto Canavese, piccolo borgo rintanato sopra una balza dei monti della Valle del’ Orco. Figlio di un contadino abbastanza agiato, dovette dare prove precoci delle sue attitudini al disegno, poiché, compiuta la quarta elementare, fu dal padre stesso inviato all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, dove entrava nel 1869.

    Vi passò otto anni e per il corso di pittura fu allievo di Andrea Castaldi, che lo ebbe caro. Nel 1878, appena compiuta l’Accademia, stretto dal male, veniva trasportato al paesello nativo: vi moriva dopo pochi giorni. Cinque o sei opere scolastiche, accademie di nudo o di testa e concorsi di fin d’anno, cinque opere esposte, durante gli studi, alle mostre d’arte torinesi, alcuni quadri dipinti per chiese e piloni del paese: ecco quanto resta di lui.

    Concorso accademico è l’Andrea Vesalio che studia anatomia, con cui si apre la serie delle sue opere, concorso accademico è la testa della Pensierosa che la chiude. Tre anni appena di attività pittorica quasi puramente scolastica, eppure questo prodigioso ragazzo infonde un’impronta personale in tutto ciò che tocca.

    Nel tema obbligato del Vesalio introduce l’intimità della luce scialba e cerca sottili armonie di colore nell’ombra; nella Giuditta si libera dal convenzionalismo romantico con cui dal maestro e dai coetanei era trattato il quadro storico, atteggia la scena con la purità di un quattrocentista e raggiunge smalti di colore che fanno pensare ai preraffaelliti inglesi nella Donna pompeiana studia il carattere della figura e della stoffa in modo da togliere al tema abusato ogni apparenza di superficialità decorativa.

    In Un’ebrea (in Egitto) accorda la tristezza dell’esule con un’armonia di grigi in un paesaggio mirabile di realismo incisivo, sottilmente poetico; nella Religione dei trapassati ambienta la figura, evocata da un affresco pompeiano, in un naturalismo paesistico descritto con l’amorosa minuzia di un primitivo; nella Pensierosa, trasforma, per la sensibilità delicatissima della visione, una modella d’accademia in una immagine di sogno, ma saldamente costrutta, che fa pensare al Whistler.

    Un senso innato ed ingenuo di poesia, che lo fa immune sin dai primi passi dalle virtuosità esteriori che allettano di solito i giovani, una facilità nativa per il disegno, una delicata sensibilità del colore, un amore di primitivo per la struttura delle cose naturali, un’ingegnosità riflessiva che gli fa escogitare mezzi tecnici nuovi a rendere la trasparenza ariosa delle cose, quali la fattura a puntini nella Giuditta e quella pennellata nella Pensierosa: poteva dare alla pittura italiana cose grandi.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.