Hai cercato

Pittore

Carlo Canella


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Carlo Canella

( Verona 1800 - Milano 1879 )

Pittore

    Carlo Canella

    Carlo Canella nasce a Verona nel 1800. Figlio di Giovanni e fratello minore di Giuseppe, viene introdotto alla pittura proprio da loro, per poi completare la sua formazione all’Accademia di Verona. Partecipa alla sua prima esposizione nel 1829 a Milano, facendosi conoscere dalla critica e dal pubblico come ritrattista.

    Dal 1835, invece, si dedica soprattutto alle vedute, avendo come soggetti prediletti Milano, Verona, Venezia, Firenze. Interessato anche alla pittura di interni di forte impronta prospettica, sulla scia di Migliara, partecipa con regolarità alle esposizioni torinesi, genovesi, milanesi e fiorentine fino al 1877, due anni prima della sua morte.

    Come accennato in precedenza, nel 1835 partecipa all’Esposizione braidense con una serie di dodici vedute di Verona e con altrettanti dipinti all’Accademia Cignaroli di Verona. Proprio qui diventerà di lì a poco professore, continuando comunque ad esporre alle mostre accademiche.

    Nel 1836 vi presenta infatti un gruppo cospicuo di tele, tra cui Ingresso nella chiesa di San Bernardino nel giardino dei morti. Con Interno dello studio di pittura dal vero partecipa alla mostra di Brera del 1837, poi riproposto nel 1856 a Verona come Interno dello studio del defunto pittore Giuseppe Canella con il suo ritratto, oggi in collezione privata a Verona.

    Nel 1844 a Torino espone una serie di vedute e interni: Contrada della Stella a MilanoCorso di Porta Tosa a MilanoStrada delle Stimmate in VeronaPiazza delle Erbe in VeronaL’interno della chiesa di San Marco a Venezia e L’interno del Duomo di Milano.

    I suoi studi, molto attenti al vero, e trattati con una certa sapienza e impronta personale, vengono molto spesso accompagnati da interni non solo di chiese, ma anche di umili abitazioni popolate da figurine di memoria e fattezza fiamminga. Ne sono esempio Interno di una camera con famiglia (effetto di notte) e Interno di una stalla con figure ed animali presentati a Torino nel 1845.

    Scenette aneddotiche in prospettici interni sullo stile di Migliara compaiono negli anni Cinquanta: all’Esposizione genovese del 1854 presenta Un ricco avaro che fa espellere da casa una povera vedova e la Camera del contadino, accompagnati da vedute di San Zeno a Verona e del Duomo di Milano.

    Di intonazione umile e popolare sono i dipinti esposti a Genova nel 1857, tra cui figurano a famiglia del contadinoLa cucina del CuratoLa cena di famiglia e La famiglia del pastore. Continua con vedute e interni per tutti gli anni Sessanta e Settanta, partecipando assiduamente alle esposizioni, pur presentando mano a mano un numero sempre minore di opere. Partecipa all’ultima Promotrice genovese nel 1877, con la Chiesa di San Fermo a Verona. Muore nel 1879 a Milano.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Carlo Canella


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.