Hai cercato

Pittore

Banti Cristiano


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Banti Cristiano

( Santa Croce sull'Arno 1824 - Montemurlo 1904 )

Pittore

    Banti Cristiano

    Cristiano Banti fece i primi studii a Siena sotto il Nenci, e a quell’arte classica s’inspirò specialmente nel suo primo lavoro “Galileo Galilei davanti alla Corte della Inquisizione”, che ottenne gran plauso e lo segnalò ben presto tra gli insigni pittori del suo tempo.

    Ma, sdegnoso egli stesso d’ogni successo accademico, quantunque non ignorasse che, abbandonando quella via, si ritardava la fortuna e la celebrità, si ribellò alla sua prima maniera, e, venuto in Firenze, cercò vie nuove, disfece, in alcun modo, tutto il suo primo lavoro, per cercare inspirazione dalla sola realtà.

    Difficile a contentarsi, fece molti quadri, ma pochi ne espose, e tra i pochi “Il ritorno dalla pesca nel lago di Bientina”, opera diligentissima che rivelava il suo forte ingegno. Rappresenta cinque o sei pescatori che tornano frettolosi in città per vedere e dividersi la pesca fatta. Un altro quadro de’ più felici che siano usciti dal pennello del Banti raffigura una ragazza che sdraiata sull’erba tira a se un’anitra, che tenta invano svolazzare, starnazzando le ali.

    In un altro quadro del Banti che, comprato dalla Galleria Pisani in Firenze fu venduto quindi a caro prezzo ad un forestiero, raffigura una ragazza che, facendo la calza, tira leggermente il filo rimasto troppo teso pel ruzzare di un gatto col gomitolo.

    Nello studio del pittore Butter a Torino ammirasi un altro gioiello di questo brioso e delicato artista rappresentante una fanciulla la quale dà da mangiare ad un’anitra; ed ora il Banti sta ultimando un quadro intitolato “Le Predone” che son quelle donne, le quali corrono la campagna, rubando qua e là alla ventura ciò che viene loro tra mano. Fonte: A. De Gubernatis, Dizionario degli artisti viventi, Firenze 1889-1892.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Banti Cristiano


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.