Hai cercato

Pittore

Demetrio Cosola


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Demetrio Cosola

( San Sebastiano Po (Torino) 1851 - Chivasso (Torino) 1895 )

Pittore

    Demetrio Cosola

    Demetrio Cosola nasce a San Sebastiano Po, vicino Torino nel 1851. All’età di sette anni, si trasferisce con la sua famiglia a Chivasso per intraprendere gli studi tecnici. Ben presto, però, li abbandona per iscriversi all’Accademia Albertina di Torino dove si forma sia dal punto di vista scultoreo con Giovanni Tamone, e sia dal punto di vista disegnativo con Enrico Gamba e pittorico con Andrea Gastaldi. Molto importante per lui è la conoscenza di Antonio Fontanesi che negli anni Settanta lo introduce alla pittura di paesaggio.

    Esordisce nel 1873 alla Promotrice di Torino con All’acquasantino. Ma, come accennato, fondamentale è l’accostamento, tramite Fontanesi, al paesaggio e ad una sensibilità verista che lo caratterizza per tutta la sua produzione, presente alle Promotrici fino agli anni Novanta dell’Ottocento. All’Esposzione di Torino nel 1876 presenta Ricordo di Roma e Lettura, a quella del 1880 RitrattoVisite alla piccola mortaMeriggio e San Luigi e la Madonna.

    Tra dipinti di genere, scene quotidiane e paesaggi, sviluppa una spiccata attenzione per la ricerca luministica, dando vita a paesaggi del Piemonte e della Valle D’Aosta con una sensibilità cromatica e tonale di grande interesse. Purtroppo l’artista non riesce a trovare sempre il favore della critica e anche oggi le sue opere si trovano soprattutto in collezioni private di area piemontese, lombarda e valdostana.

    All’Esposizione di Belle Arti di Milano del 1881 invia Riposo al campoRitratto di signora e Il Po presso Torino, mentre a quella di Torino di due anni dopo espone una serie di sei Ritratti. Nel 1884 viene nominato assistente di Andrea Gastaldi all’Accademia Albertina e in seguito ricopre lo stesso ruolo, ma al fianco di Pier Celestino Gilardi.

    Alla Promotrice torinese del 1885 compaiono Occhi severi e Sulla spiaggia, nel 1887 Valle di Gressoney e Brutti voti e nel 1887 all’Esposizione Nazionale di Venezia Piazza di GressoneyAl pascolo e Toeletta del padroncino. Partecipa alle rassegne torinesi fino al 1894, presentando opere come VegliaMercatoI miei genitoriLa vaccinazione nelle campagnePascolo.

    Muore a Chivasso nel 1895, quasi dimenticato dalla critica. Una sua rivalutazione ci sarà nel 1931, quando ventinove sue opere verranno esposte alla mostra del Sindacato Fascista torinese.

    Presso la Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino sono conservati Le sponde del PoIl dettatoIl giardino, presso La Galleria Nazionale di Roma Visite alla piccola morta e diverse opere nel Municipio di Chivasso.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Demetrio Cosola


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.