Hai cercato

Scultore

Felice Bialetti


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Felice Bialetti

( Mede Lomellina (PV) 1869 - 1906 )

Scultore

    Felice Bialetti

    Felice Bialetti nasce a Mede Lomellina nel 1869. Si forma all’Accademia Albertina di Torino dove è allievo dello scultore Odoardo Tabacchi, da cui apprende la rapidità compositiva, il gusto per le superfici scabre e sintetiche e un indirizzo decisamente impressionista. Una lavorazione vigorosa e sciolta lo accompagna sin dalle prime opere, mentre una dimensione più espressiva e sicura, velata da notazioni simboliche, viene accolta dallo scultore in seguito al suo trasferimento a Milano.

    Qui, a partire del 1892, frequenta l’Accademia di Brera. Accolto sotto l’ala di Enrico Butti, Felice Bialetti ne eredita la qualità spontanea e concreta degli atteggiamenti umani, delle espressioni e delle pose, inoltrandosi in un Simbolismo perturbante e melanconico, che si nota soprattutto nell’esecuzione di monumenti funebri.

    Linee tormentate e superfici scabre: i monumenti funerari e le figure muliebri

    Nel 1898, esordisce all’Esposizione Nazionale di Torino con Spettro, dettaglio di monumento funebre, opera che racchiude una modellazione tormentata che si esplica nella resa estremamente movimentata e irregolare della superficie che accoglie e quasi imprigiona la figura dello spettro. Insieme a questo progetto per monumento funebre, presenta anche l’opera altrettanto inquieta Le onde, visione di un naufragio.

    L’anno successivo, prende parte alla sua prima Biennale di Venezia con il soggetto femminile Esausta e nello stesso anno espone Teti alla Triennale di Milano. In queste sculture si nota una felice congiunzione dell’impiego di superfici levigate e di masse scabre e non finite, nell’uso di un linguaggio sintetico ed emozionante che sfocia in visioni fortemente Simboliste.

    Questa modalità stilistica e tematica ritorna nella gran parte della produzione di Felice Bialetti, come si nota anche dalla scultura Abbandono della Biennale di Venezia del 1902 e dalla profonda libertà compositiva e sintetica che impiega nella modellazione del bozzetto per il Monumento Cavallotti esposto alla Quadriennale torinese, sempre nel 1902. A proposito del movimentato basamento di questo gruppo, di forte memoria garibaldina, Efisio Aitelli, scriverà su “Emporium” «Come appare leggera la modellazione e ampio e solenne il moto di questo gruppo che procede, stesa l’asta della bandiera!»

    Alla Biennale del 1903, espone invece il bozzetto per il gruppo principale del Monumento per la famiglia Isar e Pensiero dominante, riproposto all’Esposizione di Firenze dell’anno seguente. Maturità compare alla Biennale del 1905 e, alla Mostra di Milano per il Traforo del Sempione del 1906 (l’ultima cui partecipa prima della morte), presenta il Gruppo principale del Monumento per la famiglia del cavalier Bossi dal titolo La morte del credente, in cui le numerose e tormentate linee del bassorilievo hanno il compito di trasmettere a pieno il sentimento angosciante del consapevole congedo dalla vita.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    Opere di Felice Bialetti


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example