Hai cercato

Pittore

Fortunato Depero


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Fortunato Depero

( Fondo 1892 - Rovereto 1960 )

Pittore

    Fortunato Depero

    Fortunato Depero, nativo di Fondo in Trentino, si reca a Rovereto per frequentare la Scuola Reale Elisabettiana. Nel dicembre del 1913 si trasferisce a Roma dove conosce molto presto Giuseppe Boccioni, durante la visita alla sua mostra di sculture presso la Galleria Sprovieri. Grazie a Boccioni conosce anche Giacomo Balla e si avvicina immediatamente al Futurismo.

    Nel 1914, infatti, partecipa all’Esposizione Libera Futurista Internazionale di Roma e scrive Complessità plastica – Gioco libero futurista – L’essere vivente artificiale, in cui chiarisce la sua visione estetica che riprende nel Manifesto della ricostruzione futurista dell’Universo. Il manoscritto, firmato insieme a Balla nel 1915, ha un’importanza fondamentale nella diffusione di una nuova concezione artistica del mondo, che coinvolge anche gli oggetti della quotidianità.

    Si definisce con ciò il cosiddetto Complesso plastico, che nasce da una serie di pratiche artistiche affini ma anche differenti: dal teatro alla danza alla pittura alle arti applicate, tutto è concentrato verso un principio di sinestesia che funge da collante universale. Linee dinamiche e geometriche interessano abiti tanto quanto giocattoli, tappeti o tele, tutti elaborati dalla divertita genialità di Depero, il maggior rappresentante del secondo futurismo.

    Per Gilbert Clavel crea le illustrazioni di Un istituto per suicidi, da cui prendono vita i Balli Plastici. Nel 1919, fonda la Casa D’Arte Futurista a Rovereto, chiamata poi anche “Officina del mago”, una sorta di fabbrica gestita insieme alla moglie Rosetta che trasmette l’estetica del futurismo di Depero alle arti applicate e interessa ogni zona della vita quotidiana.

    La grafica pubblicitaria diviene uno dei suoi impegni principali, anche durante il suo soggiorno newyorkese della fine degli anni Venti. Brillanti cromie festose, personaggi meccanici protagonisti di balli plastici, variopinte traiettorie dal carattere giocoso costituiscono la sua febbrile attività che culmina tanto nell’arte quanto nel teatro e nell’essenzialità delle azioni comuni.

    Alla Biennale di Venezia del 1926 presenta una serie di quindici opere che riflettono perfettamente la sua idea estetica, tra cui Guerra-FestaAnimali straniPagliacci florealiL’uomo dai baffiVelocità moderneEquilibristaPagliacci-GattiBitter Campari.

    Alla Mostra di Trentaquattro Pittori Futuristi di Milano nel 1927 presenta invece sette opere: Scarabeo venezianoLuci architettoniche di un’osteriaSolidità di cavalieri errantiPaesaggio al tornioSbronza costruitaPolenta a fuoco duro Squisito al seltz. Nello stesso anno pubblica anche Depero futurista, un catalogo dall’originalissima copertina con i bulloni, che nasconde soluzioni grafiche e artistiche divertenti e geniali.

    Alla personale che gli viene dedicata alla Biennale di Venezia del 1932 presenta quasi quaranta opere, riassuntive di una carriera densissima di idee, tra cui Fulmine compositoreIngranaggi di guerraRadioscopia alpestreFolla nella subway, Meccanica sotterranea metropolitanaFolla, pinti, fanali a New YorkNitrito di velocità e Macchinismo babelico.

    New York, città che lo affascina e che è presente in tutte queste opere, lo ospiterà nuovamente nel 1947 e continuerà ad ispirarlo con il suo dinamismo crescente per tutti gli anni Cinquanta. Muore a Rovereto, nel 1960.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.