Hai cercato

Pittore

Gaetano Fasanotti


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Gaetano Fasanotti

( Milano 1831 - 1882 )

Pittore

    Gaetano Fasanotti

    Gaetano Fasanotti nasce a Milano nel 1831. Nel 1848 prende parte alla Cinque giornate di Milano e accanto all’impegno rivoluzionario comincia a coltivare la passione per la pittura. Non si iscrive all’Accademia, ma frequenta lo studio di Giovanni Renica. Si specializza ben presto nella pittura di paesaggio ed esordisce nel 1854 a Torino con Un torrente Veduta dell’alta Lombardia. Nel 1857 presenta Brughiera nei dintorni di Gallarate e nel 1859 Un’Alpe in Lombardia e Pianura lombarda.

    Si può ben dedurre che i soggetti prediletti della pittura dal vero di Fasanotti siano le Alpi e le campagne della Lombardia, caratterizzati da una forte attenzione alle variazioni atmosferiche, al clima umido e “acquoso” della sua regione. Abile sia nell’olio che nell’acquarello, riesce a conquistare una serie di ricchi collezionisti lombardi come il Cavalier Pietro Ganzales e il conte Francesco Turati.

    Nel 1860 succede all’austriaco Zimmerman nella cattedra di Paesaggio presso l’Accademia di Brera, introducendo importanti innovazioni nella didattica: una su tutte, l’incoraggiamento alla pittura di paesaggio en plein air, libera da costrizioni classiche e accademiche. Porta dunque i suoi allievi nei territori lombardi da lui stesso solcati e studiati durante le sessioni di pittura dal vero.

    Nel 1860 espone a Torino una Veduta del Ticino, ma nel frattempo e fino al 1879 prende parte con costanza alle esposizioni braidensi. Al 1862 risale Veduta dal vero nei dintorni della Valsassina, al 1866 Un’alpe nel Canton Ticino Reminiscenze del lago di Brientz. Continua per tutti gli anni Sessanta e Settanta con vedute legate ai territori della Brianza, del Ticino e delle Alpi lombarde, ma non manca di compiere viaggi nel meridione, soprattutto in Sicilia e in Campania.

    Vedute che ricordano i suoi frequenti viaggi in cerca di ispirazione e motivi nuovi sono L’arenella alle falde del Monte Pellegrino (Sicilia)Marina con barche e Canale d’Ischia, tutti presentati all’inizio degli anni Settanta. Nel 1869 prende parte all’Esposizione Universale di Monaco di Baviera e nel 1873 a quella di Vienna.

    Nel 1880 viene colto da una malattia che lo porta all’abbandono della pittura e alla morte nel giro di due anni, in una casa di cura. Una serie di undici paesaggi è conservata nella Galleria d’Arte Moderna di Milano, tra cui Dintorni di MilanoStagnoMarinaPaesaggio alpestre e Strada con fondo di montagna.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Gaetano Fasanotti


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.