Hai cercato

Pittore

Gerardo Bianchi


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Gerardo Bianchi

( Monza (Milano) 1845 - 1922 )

Pittore

    Gerardo Bianchi

    Gerardo Bianchi nasce a Monza nel 1845 ed è il fratello minore del più famoso pittore Mosè. Figlio del ritrattista Giosuè, viene introdotto al disegno e alla pittura da suo padre, nei primi anni di formazione a Monza. In seguito, proprio seguendo le orme del fratello, si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Brera.

    Allievo di Giuseppe Bertini, subito dopo il diploma, inizia ad insegnare pittura presso il Collegio Bosisio di Monza, succedendo a suo padre. L’impegno didattico accompagna Gerardo Bianchi per tutta la vita e si unisce costantemente all’attività di pittore e disegnatore. Nei primi anni, la sua carriera si svolge nel segno della miniatura su smalto ed avorio, che permette all’artista di perfezionare la tecnica disegnativa e l’attenzione al dettaglio.

    Dalla miniatura alla pittura di genere, nel solco del fratello Mosè

    Nel 1878, prende parte all’Esposizione di Torino con il Ritratto di Re Umberto ad olio su tela e con l’acquarello Gli sposi, che poi ha riprodotto in diverse varianti nel corso degli anni. Nonostante questa prima esperienza pubblica, l’attività pittorica di Gerardo Bianchi prende veramente il via solo dopo la morte di suo fratello Mosè nel 1904.

    Versato soprattutto nei ritratti, nei paesaggi e in delicate e leggere scene di genere, adotta una pittura dai contorni evanescenti e dalla pennellata piena e veloce, abbracciando la stessa maniera vivace, brillante e briosa di Mosè. Le campagne della Brianza, con i loro momenti quotidiani legati all’agricoltura e alla narrazione delle vite di contadini e contadine, sono le protagoniste di numerose tele del pittore. È molto legato anche all’ambiente alpino, che ritrae costantemente con impressioni veloci e luminose, come si nota dall’olio dalle note intensamente liriche Montagna poetica presentato alla Mostra di Milano per il Traforo del Sempione del 1906.

    Nelle opere più mature di Gerardo Bianchi si nota una certa affinità con il linguaggio del nipote Pompeo Mariani, figlio della sorella Giulia e interprete di un paesaggismo veloce e dinamico e di una pittura di genere fresca e brillante. Queste caratteristiche rientrano nelle sue opere degli anni Dieci, tra cui La grigna a Magreglio, Caprette, Lo zuccaro, Pastorella. Muore nel 1922 a Monza, all’età di settantasette anni.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Gerardo Bianchi


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example