Hai cercato

Pittore

Giovanni Boldini


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Giovanni Boldini

( Ferrara 1842 - Parigi 1931 )

Pittore

    Giovanni Boldini

    Giovanni Boldini nacque a Ferrara il 31 dicembre del 1842. Il padre, Antonio Boldini, era pittore. A soli cinque anni, Giovanni dimostrò di saper dipingere: la sua vocazione venne assecondata in età adolescenziale cominciò a frequentare lo studio dei fratelli Gaetano e Girolamo Domenichini.

    Già attorno ai quindici anni gli arrivarono le prime commissioni per ritratti di amici e conoscenti, utili a sbarcare il lunario. Nel 1864 si recò a Firenze, dove Michele Gordigiani gli procurò commissioni e lo introdusse nel circolo artistico del Caffè Michelangelo. Si legò in amicizia con il pittore Cristiano Banti. Cominciò a frequentare locali alla moda, entrando in contatto con quell’alta società di cui fu a lungo uno dei ritrattisti
    più apprezzati.

    Nel 1867 si recò a Parigi per la prima volta, innamorandosene. Nel 1871 andò invece a Londra, dove già aveva esposto inviando opere da Firenze: vi trascorse alcuni mesi, per poi tornare a Parigi, dove prese a lavorare per Goupil. In questa fase della sua carriera, Boldini realizzò una serie di dipinti neosettecenteschi , in pieno stile Fortuny. Pur viaggiando frequentemente, stabilì la sua residenza a Parigi, partecipando attivamente alle maggiori esposizioni francesi. Ormai affermato tra Italia, Francia ed Inghilterra, gli giunsero commissioni per importanti ritratti, come quello di Giuseppe Verdi (1886, Roma, GNAM).

    Nei primi anni Novanta cominciò a dipingere su grandi formati, eseguendo perlopiù ritratti a dimensioni naturali in ambientazioni magniloquenti. L’arrivo del XX secolo lo vide trionfare come uno dei pittori italiani più richiesti, non solo dalla borghesia e dall’aristocrazia, ma anche dalla committenza moderna, mondana ed esclusiva del jet set internazionale.

    Nel 1903 fu invitato ad esporre alla “Sala del Ritratto Moderno” della Biennale di Venezia , dove erano stati chiamati i più importanti ritrattisti di tutto il mondo, tra cui John Singer Sargent e James Whistler, entrambi amici del pittore: qui presentò il “Ritratto di Donna Franca Florio”, che accese un vivo dibattito per via della posa della nobildonna siciliana, ritenuta eccessivamente manierata. Nello stesso periodo entrò in contatto con la Marchesa Casati, della quale eseguì due ritratti, ritenuti oggi due dei suoi dipinti migliori. Uno di questi fu esposto nel 1914 alla seconda mostra della “Secessione” romana.

    La sua attività di ritrattista dell’alta società continuò con successo, seppure lontano dai dibattiti artistici a lui contemporanei ormai dedicati alle avanguardie, sia durante che dopo la Prima guerra mondiale. Dopo
    alcuni anni di condizione di salute precaria, morì a Parigi l’11 gennaio del 1831 nella sua casa di boulevard Berthier.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Giovanni Boldini


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.