Hai cercato

Pittore

Giulio Branca


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Giulio Branca

( Cannobio 1850 - Milano 1926 )

Pittore

    Giulio Branca

    Insigne scultore lombardo, residente a Milano, nato a Cannobio sul Lago Maggiore nel 1851.

    Dimostrò da fanciullo la sua inclinazione all’arte; il padre Lodovico voleva farlo studiare pel commercio; ma il fanciullo imbrattava di figure tutti i suoi libri di scuola; eran soldati e battaglie; e tutto ciò che vedeva disegnava.

    Pure, a malgrado della sua passione, egli non avrebbe ottenuto il suo intento di divenire artista, se una grave malattia non lo metteva quasi in fin di vita, onde i genitori sgomenti permisero al giovinetto convalescente di seguire la propria vocazione.

    Quattordicenne egli si recò a Milano, ove per cinque anni studiò indefessamente, vincendo il premio nel così detto concorso dell’esperimento finale.

    Intanto egli aveva già fatto due anni di Scuola superiore di Scultura sotto la direzione del compianto professore cavalier Giovanni Strazza.

    Giulio Branca è ora uno degli scultori che fanno più onore alla Scuola lombarda; da due anni è decorato, per motu proprio di Sua Maesta il Re dell’Ordine della Corona d’Italia.

    Tra i suoi lavori principali vanno segnalati i seguenti: “Luigi XVII”, statua in marmo, di grandezza naturale, venduta all’Esposizione Universale di Parigi nel 1878; “Rosmunda al banchetto d’Alboino”, statua in marmo di grandezza maggiore del vero, efficacissima, esposta nel 1880 a Torino, ammirata dal pubblico, lodatissima dalla critica e dalla Relazione di Giulio Monteverde al Circolo degli Artisti Italiani a Roma; premiata, nel 1883, con medaglia d’argento all’Esposizione internazionale di Amsterdam, scelta dal Giurì artistico per l’Esposizione mondiale di Parigi di quest’anno; il grandioso “Monumento alla famiglia Cazzaniga”, nel cimitero di Pavia (1884); “L’apoteosi dell’anima”, lievissima e gentile ispirazione alla memoria di Giovanni Norsa nel cimitero monumentale di Milano, e nello stesso, il nuovo e significativo “Monumento alla Memoria di Carlo Rossi” distinto industriale.

    Per commissione del comune di Cannobio eseguì la statua più grande del vero del compianto “senatore Antonio Giovagnola”.

    L’ultimo suo lavoro, a notizia nostra, è un bellissimo busto di “Paolo Ferrari”.

     

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.