Hai cercato

Pittore

Lidio Ajmone


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Lidio Ajmone

( Coggiola 1884 - Andezeno 1945 )

Pittore

    Lidio Ajmone

    Nato in provincia di Vercelli, si trasferì in tenera età con la famiglia a Torino. Nel 1902 si iscrisse all’Accademia Albertina ed inseguito frequentò lo studio di Vittorio Cavalleri. Si specializzò nel paesaggio con una notevole libertà tecnica e cromatica. Durante la prima guerra mondiale, si arruolò tra gli Alpini e ne divenne capitano, mentre nel 1925 soggiornò per diversi mesi in Somalia, divenendo pittore ufficiale del governatore Cesare Maria De Vecchi. In questo periodo realizzò una serie di opere dallo spiccato carattere esotico, poi esposte a Torino nel 1928, al suo rientro in Italia.

    Successivamente, invece, si recò a Rodi, sempre al seguito del governatore, fin quando, colpito da una malattia nel 1941, fu costretto a rientrare per sempre in Italia. Il viaggio a Rodi fu ricco di suggestioni e impressioni che Ajmone cercò di trasmettere nelle sue tele. Ne sono esempio Rodi-Vecchia stradaI fiori e il mare di RodiRodi-Porta d’Amboise, esposti a Torino nel 1938. A causa della malattia che lo accompagnò fino alla morte, si stabilì nella sua casa nei pressi di Torino e vi rimase fino alla fine dei suoi giorni. Morì ad Andezeno nel settembre del 1945.

    Abile paesaggista, si espresse molto bene anche nel ritratto: conosciuti sono i suoi ritratti di personaggi piemontesi. Espose alla Promotrice di Torino nel 1929 i paesaggi Mercato della Verdura presso il Ponte di Rialto e Le roselline dell’Eridano, a quella del 1930 Spiaggetta a BavenoRiflessiLa fontanaLa chiesa d’Antognod. Nel 1933, invece espose a Firenze Portofino San Fruttuoso, i suoi cari paesaggi della costa ligure, a cui fu fortemente affezionato.

    Di lui si ricordano ancora: Piccolo portoLa strada copertaCase di Liguria, esposti nel 1933 a Torino, ma anche Alta Valle di Gressoney-Ritorno dall’escursione, risalente all’anno successivo. Si trova testimonianza dei numerosi viaggi compiuti in giovane età (soprattutto a Roma) dai dipinti che ne sono scaturiti, come ad esempio La vetta del Monte BiancoVisita archeologica-Foro romanoSole d’inverno a Villa Borghese.

    Ma rimangono quelli piemontesi i paesaggi che più rappresentano la produzione artistica di Ajmone, basta ricordare vedute come La fontana del castello-IssogneCrepuscolo sul Lago-Lago MaggioreA Messa grande-Baveno. Un vivace cromatismo di matrice impressionista pervade tutte le sue opere, anche i ritratti. Immediatezza dell’impressione, grande luminosità e attenzione al dettaglio folklorico dei luoghi in cui si trova, caratterizza tanto le opere piemontesi quanto quelle realizzate in Somalia o a Rodi.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Lidio Ajmone


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.