Hai cercato

Pittore

Luigi Marai


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Luigi Marai

( Attivo a Milano nella seconda metà del XIX secolo )

Pittore

    Luigi Marai

    Scultore lombardo, residente a Milano, ha eseguito un numero grandissimo di leggiadre statuette, che ha esposte in quasi tutte le Mostre nazionali ed estere, tenute in questi ultimi anni.

    A Torino, nel 1880, aveva: “Il figlio dell’armata”, bella statuetta in marmo, e altre sue opere: “Affezione alla prole” e “Intimazione d’amore”.

    Il primo gruppo, assai bello per modellato e per sentimento, l’altro eccellente per l’esecuzione e per il concetto.

    A Milano, nel 1881, aveva un leggiadro “Amorino”, e una statua in gesso intitolata: “Sulla spiaggia”, e nel 1884 un bel busto in plastica, ed un’altra statuetta in marmo, dal titolo: “Giornata d’estate”.

    A Venezia, nel 1887, inviò un “San Luigi Gonzaga”.

    Il Marai ha fatto molti lavori per ornamentazione funebre, e medaglioni e ritratti in gran formato.

     

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example