Hai cercato

Pittore

Mario Ridola


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Mario Ridola

( Napoli 1890 - Catanzaro 1973 )

Pittore

    Mario Ridola

    Mario Ridola nasce a Napoli nel 1890 e si forma all’Accademia di Belle Arti di Napoli sotto la guida di Stanislao Lista, Vincenzo Volpe e Michele Cammarano che, in particolare, lo accoglie sotto la sua ala.

    Dopo essersi diplomato nel 1912, si fa interprete di un verismo energico e privo di effetti decorativi, concentrato sulla quotidianità popolare e sulla narrazione di intime e luminose scene domestiche. Alla Mostra di Napoli del 1912 compare Napoletana e a quella dell’anno seguente Dai Camaldoli, Ritratto di mia sorella e Al sole.

    Dopo queste prime esperienze, Mario Ridola decide di completare la sua formazione all’Accademia di Parigi e poi a quella di Anversa.

    Il pittore della colonia libica

    Il reale successo del pittore napoletano prende piede solo dopo la Prima guerra mondiale. Viaggiatore attento e desideroso di conoscere e narrare le culture e le tradizioni del Mediterraneo, dopo il conflitto, parte per la Libia, dove rimane per circa dieci anni.

    I colori e le sensazioni dell’essenza della tradizione nord africana, trasmessi mediante la rappresentazione della vita quotidiana e dei paesaggi pervasi dalla luce del deserto, emergono da opere come Panorama di Cirene o Arabo di Tubruq, esposto alla Biennale di Venezia del 1924.

    Le sue tele di pittore coloniale ed orientalista si riempiono di donne arabe in costume tipico, impegnate in varie attività lavorative, completamente avvolte nel turbinio di colori, suoni e immagini provenienti da città come Cirene.

    Le donne e i costumi di Cirene

    Mario Ridola, in occasione della sua personale nella sala del Parlamento cirenaico nel 1923, è stato soprannominato “il pittore delle mabruke”. Tra le numerose opere dedicate a figure femminili si segnalano Suonatrice di tarbuka, La fanciulla di Cirene e Danzatrice di Cirene, Donna araba, eseguite nel corso del 1924.

    La sua è una pittura priva di intenti celebrativi e decisamente indirizzata a mostrare la vita coloniale nel suo volto più vero, quotidiano. Un reportage, dunque, più che una visione immaginaria di un’Africa sognata, come invece avveniva nella pittura orientalista di stampo ottocentesco. È in questo quadro stilistico e narrativo che si inseriscono alcune opere simbolo di Ridola, tra cui Mercato in Nord Africa, Derna. Il mandorlo e Derna. La moschea delle quarantadue cupole.

    Le sue immagini calde e ricche di dettagli folklorici e di tranche de vie libiche vengono presentate alle Mostre coloniali degli anni Trenta e oggi, molte di esse sono conservate al Museo delle Civiltà, come il dipinto di grandi dimensioni Interno libico con figure.

    Gli anni in Albania

    All’inizio degli anni Trenta, Mario Ridola si trasferisce in Albania, dove apre la prima Scuola di Disegno del paese. Anche in questi anni, adottando il suo consueto verismo cromaticamente acceso e luminoso, ricco di particolari tratti dalla tradizione locale, il pittore si dedica ad una viva ed impeccabile interpretazione della vita balcanica.

    La gran parte delle tele e delle impressioni eseguite in Albania è conservata al Palazzo Reale di Tirana. Nel 1938, rientrato in Italia, tiene una personale a Roma, dove si concentra tutta la sua produzione partenopea e coloniale. Terminata la sua epopea di artista viaggiatore, negli ultimi anni si ritira, e muore a Catanzaro nel 1973, a ottantatré anni.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Mario Ridola


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.