Hai cercato

Pittore

Memo Vagaggini


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Memo Vagaggini

( Santa Fiora 1892 - Firenze 1955 )

Pittore

    Memo Vagaggini

    Memo Vagaggini nasce a Santa Fiora, vicino Grosseto, nel 1892. Si avvicina alla pittura da autodidatta, prendendo spunto dalla fiorente, verdeggiante e idilliaca natura della Maremma toscana. Concentrato soprattutto sul valore della luce e sugli effetti che produce, sin da subito, si fa interprete di una pittura di paesaggio costruita su una successione di piani che si incastrano come tarsie luminose.

    Il paesaggio maremmano: una pittura limpida e luminosa

    Un lirismo silenzioso e quasi solenne pervade le pianure e le pinete di Memo Vagaggini, interrotte qua e là da casali isolati, che si stagliano su marine o paesaggi tersi e sereni, ove nulla sembra essere fuori posto. Attraverso la luce limpida, calda e piena, il paesaggio risulta sempre inserito in un ordine mentale e naturale che Vagaggini eredita dai Macchiaioli ma che modifica nel solido e pulito linguaggio del Novecento.

    Nel 1929, esordisce alla Mostra regionale d’Arte Toscana con un Paesaggio toscano accompagnato da un Paesaggio in Val d’Aosta. Ma prima di questa esperienza espositiva, il pittore si era dedicato agli affreschi sulla Vita di San Francesco nella chiesa di Castelnuovo ad Arezzo. Insegnante di pittura all’Accademia di Firenze, vi rimane per molti anni, partecipando a tutte le Sindacali toscane, ma anche alla Biennale di Venezia e alle Quadriennali romane.

    Equilibrio e lirismo

    Maremma, I cipressi e Laguna a Orbetello compaiono alla Sindacale di Firenze del 1930, mentre alla sua prima Biennale del 1932 espone Maremma – Bocca d’Ombrone. Un equilibrato posizionamento dei toni, una sensibilità emozionante nei confronti della luce sono gli elementi che contraddistinguono la poetica di Memo Vagaggini, nel ricordo costante delle intime evocazioni della Scuola di Piagentina. Ritornano i tetti illuminati di Sernesi e gli scorci di Signorini, ma con un impianto più “geometrico”.

    Ne sono esempio dipinti come Strada di Quercianella della Mostra Interprovinciale d’Arte Toscana del 1934, o Ricamatrice presentata alla Sindacale di Torino dell’anno seguente. Quest’ultima sembra riportare alla memoria le delicate atmosfere delle attività femminili descritte da Borrani, ma trasportate in un Novecento solido che guarda anche alle tendenze del ritorno all’ordine.

    Marina, La chioma e Autoritratto compaiono alla Quadriennale di Roma del 1935, Marina con barca e Maremma a quella del 1939. Questa intensa attività espositiva si fa piano piano più rada intorno agli anni Quaranta. L’ultima apparizione importante è quella della Quadriennale di Roma del 1943, in cui il pittore presenta Dintorni d’Empoli, Paesaggio empolese e Natura morta. Muore a Firenze nel 1955.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Memo Vagaggini


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example