Hai cercato

Pittore

Michele De Marco


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Michele De Marco

( Napoli 1832 - ? )

Pittore

    Michele De Marco

    Scultore napoletano, si dedicò fino da fanciullo all’arte, e studiò architettura ed ornato con speciali maestri, e disegno e scultura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ove nacque il 26 decembre 1832. Viaggiò in Italia per molto tempo, e tornato a Napoli si diè indefessamente al lavoro.

    “La colonna dei martiri italiani” eretta a Chiaia è una delle sue principali opere, alla quale vanno unite: “La cappella del Principe di Cimmitino” nel camposanto di Portici; Il “Monumento Ranieri”; “Due ritratti” dei signori Lopes; “Il monumento del Conte Scaletta”; “Un camino con figure” esposto alla Promotrice di Napoli, e oggi proprietà del barone Campagna, alcune “decorazioni” pel Duomo d’Amalfi; le “decorazioni” per un grande scalone che trovasi nel palazzo Bonino a Chiaia, nonchè statuette, ritratti e monumenti di minor conto.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example