Hai cercato

Pittore

Pietro Pajetta


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Pietro Pajetta

( Serravalle di Vittorio Veneto 1845 - Padova 1911 )

Pittore

    Pietro Pajetta

    Pietro Pajetta nacque a Serravalle di Vittorio Veneto, nella provincia di Treviso, il 22 marzo del 1845. Suo padre, Mariano Pajetta, era pittore, specializzato in paesaggio e decorazione. Da piccolo fu avviato alla carriera ecclesiastica, ma la lasciò in adolescenza per arruolarsi nell’esercito dell’Italia appena Unita, trasferendosi a Ferrara nel 1862. Da qui, fu mandato a Piacenza al Secondo Reggimento del Genio.

    Grazie all’aiuto del suo comandante, il generale Enrico Cialdini, poté quindi trasferirsi a Bologna, dove prese a frequentare l’Accademia di Belle Arti, seguendo una naturale inclinazione fino ad allora repressa. La carriera militare si fuse con quella artistica: fu trasferito ad Alessandria in qualità di disegnatore meccanico e fotografo del Genio militare.

    Qui si sposò, rimanendo dieci anni e cominciando a presentare i propri dipinti al pubblico, perlopiù scene di genere, alle mostre annuali della Promotrice di Belle Arti di Torino (“L’effetto del vino” nel 1869, “Il tacchino” e “Il pittore” nel 1870, “Un viaggio in città” e “La mattina, schizzo dal vero” nel 1871). Lascia l’esercito e cambia nuovamente residenza: si trasferisce a Piacenza, dove continua a dipingere sbarcando il lunario con umili impieghi quali l’imbianchino e l’attacchino.

    È presente a tutte le maggiori esposizioni italiane, comprese la biennale di Venezia, alla cui prima edizione presenta due dipinti: “Un contratto” e il drammatico “Unico patrimonio”, quest’ultimo ripresentato nel 1896 alla Prima Triennale di Torino. Esporrà nuovamente alla Biennale solo nella seconda edizione, dove presenta il dipinto intitolato “Bagno improvvisato”.

    Alla fine degli anni Novanta dell’Ottocento torna in Veneto: prima a Treviso, poi a Padova, che individua finalmente come la città in cui stabilirsi. Ancora legato all’ambiente piemontese, come del resto dimostra la sua pittura, continua ad esporre regolarmente a Torino.

    A Milano è presente nel 1906 alla Mostra Nazionale di Belle Arti, dove espone i dipinti “La preghiera” e “Ritratto del Maestro Cesare Pollini”. Le esposizioni sembrano sempre più discostarsi dalle tematiche campestri care a Pajetta, pertanto la sua presenza alle mostre si fa meno frequente: in compenso, intensifica l’attività su committenza privata ed ecclesiastica.

    Realizza numerosi ritratti borghesi, decorazioni e grandi affreschi per dimore private, come quelli per Villa Contarini Camerini a Piazzola sul Brenta in provincia di Padova e Villa Valdruga a Feltre in provincia di Belluno, e per importanti chiese venete, quali San Benedetto Novello e il Duomo a Padova e San Giovanni Ilarione a Venezia. Ormai noto e apprezzato soprattutto come frescante e decoratore, morì a Padova il 10 aprile del 1911.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example