Hai cercato

Pittore

Raimondo Scoppa


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Raimondo Scoppa

( Napoli 1820 -1890 )

Pittore

    Raimondo Scoppa

    Raimondo Scoppa si formò presso il Real Istituto di Belle Arti di Napoli come allievo di Gabriele Smargiassi, da cui ereditò l’esercizio della pittura dal vero coniugata ad un’impostazione classicista del paesaggio. Queste caratteristiche sono comuni a tutti gli esponenti della Scuola di Posillipo, compagine di maestri italiani e stranieri che contribuì a superare le convenzioni accademiche nella pittura di paesaggio precisamente grazie al continuo confronto con il “vero”.

    Scoppa fu presente con una certa regolarità alle principali esposizioni partenopee con una produzione paesaggistica dedicata ai dintorni di Napoli. Alla Biennale borbonica esordì nel 1841 con Veduta del molo di Napoli e con Paesaggio con tramonto di sole, ed in seguito ottenne anche riconoscimenti ufficiali: una medaglia piccola d’oro nel 1855 per il paesaggio composto L’orazione all’orto, e un’altra ne conquistò nel 1859 per Bice condotta al castello di Rosate (acquistato dalla Casa Reale e oggi in sotto consegna presso il Circolo della Stampa di Napoli).

    Nel 1854 Ferdinando II gli commissiona Il dirupo di Capo D’Urso nella provincia di Salerno, oggi conservato presso il Palazzo Reale di Napoli. Dopo l’Unità Scoppa espose presso la Promotrice di Napoli e di Genova e partecipò anche alle Esposizioni nazionali di Firenze (1861, Campagna nelle vicinanze di Montesarchio) e di Napoli (1877, Pianura di Castellammare).

    I due quadri raffiguranti la Valle dei Mulini ad Amalfi possono essere datati per via stilistica alla seconda metà del secolo, poiché la stesura sintetica a brevi pennellate rimanda alla ricerca del vero maturata in Italia dopo l’esperienza della “macchia”. Il soggetto, già affrontato dai principali pittori posillipisti da Teodoro Duclere a Gonsalvo Carelli, ritrae uno dei posti più suggestivi dell’entroterra di Amalfi: la parte terminale del torrente Canneto, prima che esso raggiunga il centro di Amalfi, dove il paesaggio è caratterizzato dalle case-ponte e dai mulini ormai già caduti in disuso.

    Per l’impostazione il dipinto firmato ricorda il capolavoro di Karl Blechen, ora conservato presso il Museum for Bildende Kunste di Lipsia. In via ipotetica è possibile identificare i dipinti con la Vallata di Mulini, Amalfi – nel catalogo però non è specificato se si tratti di un pendant – inviata da Raimondo Scoppa alla Promotrice di Genova del 1880.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Raimondo Scoppa


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example