Hai cercato

Pittore

Ricardo Villegas y Cordero


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Ricardo Villegas y Cordero

( Siviglia 1849 - 1896 )

Pittore

    Ricardo Villegas y Cordero

    Ricardo Villegas y Cordero nasce a Siviglia, nel 1849. Fratello minore di José, segue la sua stessa vocazione artistica. Inizialmente, però, dietro l’incoraggiamento dei genitori, studia scienze all’Università di Siviglia dal 1870 al 1872. Successivamente, si trasferisce a Madrid per intraprendere gli studi di architettura, anche se si fa sempre più vivo in lui il desiderio di intraprendere la strada della pittura, ispirato dai primi successi del fratello José a Roma.

    Nel 1874 proprio grazie a suo fratello, riceve una lettera di presentazione da Fortuny (poco prima della sua morte) che lo introduce al ricco collezionista William Hood Stewart, che aveva la sua dimora a Parigi. Ma invece di partire per la capitale francese, Ricardo Villegas y Cordero prende la strada di Venezia, dove incontra il pittore spagnolo Rogelio Egusquiza, di passaggio nella città lagunare dopo aver partecipato ai funerali di Fortuny a Roma.

    Il trasferimento a Roma: l’eredità di Fortuny

    È proprio a Roma che il giovane si reca nel 1875 per restare vicino a suo fratello, con cui abiterà nella casa di via Flaminia. Il suo disegno si fa impeccabile grazie alle lunghe ore di pratica nello studio di José e piano piano, anche la sua pittura si fa luminosissima, prendendo evidentemente spunto dai piccoli tocchi virtuosistici e brillanti del cromatismo fortuniano. Allo stesso tempo, eredita da suo fratello la passione per la tematica storica e di genere, trattate con sensibilità e fantasia.

    Invia le sue opere alla Società per la Protezione delle Belle Arti di Siviglia. Ottiene un grande successo con soggetti orientalisti e di genere, come Il bazar in Tunisia e La chiromante. Attenzione ai dettagli esotici, ai costumi, alle ambientazioni, ma soprattutto un colorismo caldo e attraente che si espande nello spazio perfettamente gestito rendono Ricardo Villegas y Cordero un pittore apprezzatissimo in tutta Europa, al pari di suo fratello.

    Soggetti di storia e orientalismo

    Tra piccole tele di costume e grandi quadri venduti da Goupil a Parigi, tra cui l’Indovino, costruisce il suo successo, fino a giungere all’Esposizione Internazionale di Belle Arti di Monaco nel 1884 con Combattimento di galli, che viene premiato nella prima classe.

    A questo successo seguono l’Esposizione Nazionale di Madrid e di Napoli del 1887. Le opere presentate, Un maniscalco e Una pescatrice, rappresentano non solo la definitiva affermazione dell’artista in campo internazionale, ma anche una radicale svolta di stile. Se fino a questo momento è prevalso il virtuosismo luministico alla Fortuny, ora si intravede una maggiore monumentalità delle figure e solidità formale, insieme a un accentuato chiaroscuro che richiama il Seicento di Velázquez.

    La morte di Viriato, il più importate dipinto di storia di Ricardo Villegas y Cordero risale al 1890. Conservato nella villa in stile moresco del fratello José, non ha ottenuto il successo sperato, che è invece arrivato nel 1891 all’Esposizione Internazionale di Belle Arti di Barcellona con Una castañera.

    Nel 1892 seguita a produrre soggetti di storia, con la Presentazione di Colombo ai Re Cattolici, acquisita dal Municipio di Siviglia, dopo le celebrazioni per i quattrocento anni dalla scoperta dell’America. Contemporaneamente, continua ad occuparsi di piccoli dipinti da camera con soggetti di genere e orientalisti, tra cui La punizione dell’odalisca.

    Muore improvvisamente nel 1896, sul fiume Guadalquivir, mentre sta andando a caccia con un gruppo di amici. In sua memoria, il fratello José ha istituito un premio annuale per gli studenti di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Siviglia.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Ricardo Villegas y Cordero


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example