Hai cercato

Pittore

Roberto Borsa


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Roberto Borsa

( Milano 1880 - 1965 )

Pittore

    Roberto Borsa

    Roberto Borsa nasce a Milano nel 1880. Si forma presso l’Accademia di Brera dove è allievo di Giuseppe Mentessi e Cesare Tallone. Quasi sin da subito identifica come suo genere prediletto il paesaggio, trattato con evidenti notazioni impressioniste, attraverso una pennellata morbida e una vena sinceramente lombarda.

    Esordisce alla mostra di Milano per il Traforo del Sempione nel 1906 con Ritorno dal mercato e, nel corso del primo Novecento, sarà presente soprattutto alle manifestazioni artistiche della sua città, come la Permanente. Protagonista di una pittura dalle notazioni pittoriche di carattere lirico, in cui la luce viene trattata con poetica delicatezza e il colore con piccoli tocchi ravvicinati e vibranti, nel 1912 riceve la nomina a Socio onorario dell’Accademia di Brera.

    Il paesaggio lombardo: la tendenza impressionista e lirica

    Un verismo sentito viene impiegato da Roberto Borsa per racchiudere nei suoi paesaggi attimi della sua città in una cronaca meneghina, in cui la luce risulta spesso la protagonista, insieme alle morbide variazioni atmosferiche. Accanto alla sua Milano, il pittore rende protagonista Cuggiono, un piccolo paesino nella valle del Ticino, che rappresenta un rifugio e un ristoro e che compare spesso nelle sue opere, insieme al Lago di Lugano.

    Nel paesaggio Lago di Lugano visto da Lanzo, risalente al 1918, periodo migliore della sua produzione, l’artista milanese adotta evidenti richiami alla ricerca divisionista, che si legge negli incastri complementari del colore, che costruisce i monti che circondano il lago calmo e luminoso in un pomeriggio silenzioso ed invernale.

    Un colorismo spontaneo e veloce caratterizza le sue opere dalla spiccata vena lirica, come si nota nel Chiaro di luna in sordina dell’Esposizione di Firenze del 1908 e nel Mattino e Pace della sera, risalenti agli anni Trenta. Particolarmente significativi sono le serene vedute dedicate a Cuggiono, come Chiesa vecchia da piazza San Giorgio, Il ponte di Castelletto di Cuggiono, Il mulinetto e Vecchio forno. Alcune opere dell’autore sono conservate alla Quadreria dell’Ospedale Maggiore, al Comune di Cuggiono e presso la Galleria d’Arte Moderna di Monza.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    Opere di Roberto Borsa


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.