Hai cercato

Pittore

Scipione Carignani


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Scipione Carignani

( Torino 1821 - 1875 )

Pittore

    Scipione Carignani

    Scipione Carignani nasce a Torino nel 1821. Ben presto si trasferisce a Genova insieme alla famiglia, proprietaria di una fiorente attività commerciale. Nella città ligure viene avviato alla miniatura da Santo Panaro, per cui inizialmente si specializza in questa tecnica.

    Trasferitosi a Roma, si avvicina alla pittura di paesaggio frequentando lo studio di Carlo Markò padre, ma divide la sua vita tra l’arte e l’impegno politico. In effetti, nel 1848 si arruola volontario per le campagne garibaldine, sostenendo l’indipendenza e l’unità d’Italia. Al 1850 si data la sua prima importante partecipazione ad una mostra: espone a Torino Rovine illuminate al tramonto e Veduta nelle vicinanze di Roma.

    Nel 1852, sempre a Torino, espone una serie di paesaggi che ci indicano un suo soggiorno in Toscana, tra cui Cascina di Pisa, Lago di Massaciuccoli in Toscana. È in questi anni, dunque che si esprime con una tecnica libera e sciolta, prediligendo soprattutto le tele di grande formato. Dalla seconda metà degli anni Cinquanta, passa dai paesaggi laziali e toscani a quelli delle montagne, dei laghi e delle campagne piemontesi, proprio in corrispondenza del suo rientro a Torino.

    Intriso di un romanticismo tutto legato alla lezione di Alexandre Calame, partecipa alle esposizioni torinesi e genovesi per tutto gli anni Cinquanta e Sessanta. Alla Promotrice torinese del 1857 presenta Paesaggio di composizioneRimembranze di Racconigi e Lago di Avigliana, a Genova l’anno successivo invia Ricordo di StupinigiPaese e Motivo nella valle dei Salici presso Torino.

    Paesaggi e vedute dalla forte valenza scenografica e di ampio respiro sono intrisi di un’attenzione naturalistica che aumenta sempre di più con il passare degli anni e grazie agli echi della Scuola di Rivara con cui l’artista si confronta alle esposizioni torinesi. A Torino nel 1863 espone StupinigiSturaCollina di CavorettoCittadella di Torino, nel 1868 Il principiar dell’autunno e Rigagnolo ai piedi di Cavoretto. Partecipa alla sua ultima esposizione nel 1875, con Dintorni di Stupinigi. Muore nello stesso anno a Torino.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example