Hai cercato

Scultore

Silvestro Barberini


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Silvestro Barberini

( Modena 1854 - 1916 )

Scultore

    Silvestro Barberini

    Silvestro Barberini nasce a Modena nel 1854. Insieme ai coetanei pittori Eugenio Zampighi (1859-1944) e Gaetano Bellei (1857-1922), è considerato l’artista che maggiormente ha tentato di proporre la via del verismo a Modena, sfidando l’Accademia, le giurie e i collezionisti ancora molto legati a un’idea di arte tradizionale e provinciale.

    Se Zampighi e Bellei hanno operato in maniera decisamente più mitigata nel campo della pittura, Silvestro Barberini si è subito distinto nel terreno della scultura, raggiungendo il culmine della sperimentazione negli anni Ottanta dell’Ottocento.

    Nel 1881, per il saggio di pensionato dell’Accademia, decide di presentare il gruppo Delirium tremens, che viene aspramente criticato dalla commissione per il crudo realismo che si allontana dal bello ideale dell’arte antica. Ciononostante, proseguendo sulla strada del verismo, forse leggermente mitigato da altre influenze negli anni della maturità, Silvestro Barberini raggiunge un eccezionale successo nell’area modenese fino al primo decennio del Novecento.

    La scultura a Modena, tra verismo e decorativismo liberty: dai soggetti di genere, ai busti, alle opere funerarie

    Occupandosi soprattutto di scultura cimiteriale, Silvestro Barberini apre la ditta “Barberini sculture e marmi”, lavorando prevalentemente nel cimitero di San Cataldo e adeguandosi di volta in volta alle esigenze della commissione pubblica o privata.

    Se nelle prime opere, come detto, si riscontra un verismo a tratti crudo, come si nota nella Tomba Agazzotti del 1884, giunge poi ad un decorativismo di stampo liberty alle soglie del Novecento, ben visibile nella tomba Raisini del 1904. Le opere di inizio secolo sono contraddistinte da uno spiccato eclettismo che si riempie sia di un carattere neobarocco, sia di riferimenti alla scultura rinascimentale e medievale, di ci aveva diversi esempi nel Duomo di Modena.

    Nel frattempo, Silvestro Barberini partecipa a diverse esposizioni nazionali, tra cui quella di Bologna del 1888 in cui ripropone il gruppo Delirium tremens, insieme al busto in terracotta Claudius. Nel 1892 prende parte all’Esposizione Nazionale di Firenze con Crepuscolo, Primavera e Dal vero, opera esposta anche alla Nazionale di Palermo dello stesso anno.

    Come accennato, il primo Novecento è tutto caratterizzato da memorie antiche rese attraverso il filtro della decorazione e del linearismo liberty, che si ritrova anche nell’Ofelia e nella coppia formata dal Ragazzo e la ragazza vestiti all’antica, due terrecotte eseguite nel 1900, in cui la materia vibrante e a tratti scabra si divide tra il verismo della posa e l’eleganza sfiziosa degli atteggiamenti e dei piccoli dettagli, elementi che si riscontrano anche nella produzione cimiteriale.

    Elena Lago

     

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example