Hai cercato

Pittore

Solomon Corrodi


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Solomon Corrodi

( Fehraltorf 1810 - Como 1892 )

Pittore

    Solomon Corrodi

    Salomon Corrodi nasce a Fehraltorf, in Svizzera, nel 1810, da una famiglia di origini italiane che era stata costretta a trasferirsi a Zurigo perché seguace della chiesa valdese. Il padre di Salomon, pastore, lo indirizza agli studi pittorici a Zurigo, ma ben presto il ragazzo ventiduenne si trasferisce in Italia nel 1832, passando prima per Genova, poi per Pisa.

    Giunge a Roma con il suo maestro svizzero Wetzel, pittore paesaggista, ed insieme al suo amico Suter. In questi anni Salomon si dedica ad una serie di paesaggi della sua terra natale, che si aggiornano ben presto alle novità apprese a Roma, quando entra in contatto con la cerchia di artisti svizzeri e tedeschi.

    Conosce Koch e viene influenzato dalla sua trattazione classica del paesaggio, ma ancor di più subisce il fascino del paesaggio “secondo natura”, cui lo introduce Catel. Nel 1834 espone per la prima volta presso la Società degli Amatori e Cultori di Belle Arti di Roma le opere Avanzi del Palazzo de’ Cesari e Roma antica, facendosi interprete di un paesaggio di matrice romantica, ricco di suggestioni atmosferiche.

    Ben presto comincia ad essere stimato dalla critica e dal pubblico per le sue emozionanti vedute ad acquarello. Un disegno chiaro e accurato, una visione ampia e ariosa del paesaggio, un’attenzione estetica alla luce e ai colori caratterizza la produzione di Salomon Corrodi.

    Pur essendo di base a Roma, compie diversi viaggi tra Milano e Firenze, dove incontra il favore di una serie di collezionisti. A Firenze, inoltre, sposa una donna svizzera da cui ha due figli, Hermann e Arnold. Trasferitosi definitivamente a Roma, pone il suo studio in Porta Pinciana, nel 1843, ma spesso soggiorna anche nella sua villa di Frascati. Nel 1845, durante una mostra organizzata in onore della visita dello zar Nicola I, ottiene un grande successo, tale da indurre lo zar stesso a commissionargli una serie di dipinti.

    Nel 1855 è tra i fondatori e poi presidente del Deutscher Künstlerverein, il Circolo degli Artisti di origini tedesche, un riferimento fondamentale per tutti i pittori nordici di passaggio a Roma. I numerosi oli e acquarelli dedicati a vedute di Roma, della Campagna romana, ma anche di Napoli e di tutte le principali mete del Grand Tour, sono apprezzatissimi dai collezionisti stranieri. Per cui Salomon Corrodi assume il ruolo di guida per moltissimi artisti tedeschi, ma anche la chiave per i contatti con l’estero. Apprezzato soprattutto da committenti russi, raggiunge un’enorme fama, poi trasmessa anche ai figli.

    Nel 1880 partecipa all’Esposizione di Torino con Piccola marina a Sorrento e Lerici, dipinti già esposti nelle mostre romane. Nel 1888 viene nominato membro onorario dell’Accademia di San Luca. Nel 1892, quando si sta recando nella sua Svizzera, muore durante il viaggio a Como. Una sua opera, Veduta prospettica di Roma da villa Mattei è conservata a Palazzo Braschi.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Solomon Corrodi


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example