Hai cercato

Pittore

Vincenzo Dattoli


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Vincenzo Dattoli

( Foggia 1831 - Roma 1899 )

Pittore

    Vincenzo Dattoli

    Studiò all’Accademia di Belle Arti di Napoli, allievo del Morelli. Esordì in quella città nel 1859. Lasciò moltissimi quadri di soggetto storico, romantico e patriottico: “Il principe di Salerno fatto prigioniero”, esposto a Torino nel 1863 e donato dal Ministero della Pubblica Istruzione a quel Museo Civico; “Lorenzino de’ Medici che medita la morte del Duca Alessandro”, che nello stesso anno figurò alla Mostra nel Palazzo Nazionale di Brera; “I napoletani stracciano l’editto dell’inquisizione alle porte dell’arcivescovado nel 1547, durante il dominio, spagnuolo”, esposto a Milano nel 1867 e a Berlino nel 1868; “Triste ora”; “La suora di carità”; “Dolci ricordi”; “San Paolo che approda all’Isola di Malta”; “Sono fratelli, aprite!”; “Cristo nell’orto”, premiato all’Accademia di Napoli; “Sforza che strappa la bandiera ad un soldato aragonese”, proprietà reale; “Il gioco dei ragazzi alla villa Borghese a Roma”, conservato nel palazzo del Consiglio provinciale di Napoli; “Oh, quanta gente!”, proprietà reale, “Giacomo da Thiene pianta lo stendardo di San Marco su una torre di Vicenza”, collocato a Capodimonte; “Gli Angioini che forzano la postierla di San Germano”; “Alla balaustrata di villa Borghese”; “Il conte di Rupacamino assalta il convento di Montecassino”; “Scena di famiglia” e “Amore e dubbio”, esposti rispettivamente nel Palazzo di Brera a Milano nel 1873 e 1874.

    Nel 1891 si recò a Londra per dipingere affreschi e quadri, chiamato da Lord Wifhesbaden, suo ammiratore; ma per la crudezza del clima contrasse una fatale malattia che lo costrinse a ritornare in Patria.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example