Hai cercato

Pittore

Vincenzo Franceschini


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Vincenzo Franceschini

( Casandrino 1812 - Napoli 1885 )

Pittore

    Vincenzo Franceschini

    Vincenzo Franceschini nasce a Casandrino, vicino Napoli, nel 1812. Figlio di un ricco magistrato napoletano, raccoglie la carriera avviata dal padre e nel 1873 si laurea in giurisprudenza. Dunque, solo in tarda età, forse proprio intorno ai venticinque anni, secondo quanto riporta Francis Napier, si interessa al disegno e alla pittura, quindi inizia a frequentare lo studio di Antoon Sminck van Pitloo.

    Purtroppo questo apprendistato dura veramente poco, vista la quasi immediata morte del maestro olandese, per cui Franceschini decide di studiare figura con Francesco Marsigli iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Negli anni Quaranta compie un viaggio intorno all’Italia, frequentando in particolare Roma. Colto da nuove suggestioni e ormai indirizzato verso la pittura di paesaggio di stampo posillipista, Franceschini, rientrato a Napoli, inizia ad esporre vedute alle Biennali Borboniche.

    Paesaggio di composizione e Studio d’alberi compaiono alla mostra del 1845, Studio di cipressiStudio di sassi e Campagna romana con ruderi di architettura a quella del 1848. Al 1851 risale un Paesaggio con ponte, veduta fortemente influenzata dai modi classici di Philipp Hackert, anche se in seguito, il suo tratto canonico cede il passo ad una maggiore libertà compositiva.

    In particolare, si avvicina alla resa realistica ma ampia di Gabriele Smargiassi, caratterizzata da una matrice emozionante della veduta. Leone di Bisanzio guidato dalla Maga Melissa, presentato alla Mostra Borbonica del 1855, è un tipico paesaggio istoriato dai richiami romantici, così come l’Ariosto, inviato all’Esposizione Nazionale di Firenze del 1861.

    Tra i dipinti più importanti di Vincenzo Franceschini vi sono Le bagnantiLa solfataraLa fataIl biancospinoIl temporale, ma anche quelli conservati alla Pinacoteca Bindi di Giulianova, come Paesaggio di Sorrento. Nel Museo di San Martino a Napoli, si trovano invece due Vedute di NolaPaesaggio con armentiAlbero e un Cristo tentato nel deserto. Un’attenzione dettagliata alla resa naturalistica degli alberi e degli animali caratterizza la sua ultima produzione, quella realizzata durante la malattia mentale riferitaci da Salvatore di Giacomo. Muore a Napoli nel 1884.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example