Hai cercato

Pittore

Virgilio Ripari


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Virgilio Ripari

( Asola 1843 - Milano 1902 )

Pittore

    Virgilio Ripari

    Pittore lombardo, nato nella provincia di Mantova; nel 1884, domiciliato a Milano, fu dal municipio di Asola, pensionato per frequentare gli studi all’Accademia di Brera, dove fu uno dei più studiosi e venne premiato con parecchie medaglie d’onore. Fu volontario nella guerra del 1866 e combattè nel Tirolo, e tornato quindi ai prediletti studi si presentò alla Esposizione una prima volta con “Due ritratti al vero”, e quindi con un quadro di grandi dimensioni: “Il bagno pompeiano” notevole per tocco e squisitezza di colorito.

    Fece quindi molti quadri ad olio ed acquerelli per la Regina d’Inghilterra, indi espose molti quadri in ogni Mostra tenuta successivamente in Italia. A Milano, nell’Esposizione del 1872, presentò i seguenti quadri: “Passeggio nel giardino”; “Le rose”; “Ritratto”; i quali riceverono le lodi dei visitatori. Nell’Esposizione successiva del 1883 in Milano, fece mostra di altre pregevoli quadri: “Buon giorno”; “I fiori per la sacra”; “Prima neve”; “Per l’onomastico della padrona”.

    Nell’esposizione di Torino del 1884 si ammirava un altro bel quadro: “Peccato e preghiera”. Il Ripari mandò pure all’esposizione di Milano tenuta nel 1886 i quadri: “Studio”; “Venditori di Frutta”; “Pittrici moderne”; “Furto innocente”. Anche nell’Esposizione del 1887 in Venezia, ebbe ammiratori per i due suoi quadri: “Prima della scuola” e “Fiori per tutti”. A proposito dei quadri esposti all’Esposizioni di Belle Arti in Milano, “Dalle valli al monte”; “Al fronte”; “Amenità”; “Ritratto di bambina”.

    Il Colombo così si esprime: «Dinanzi a questi quadri si fermano volentieri i visitatori della Mostra, attratti dalla varietà dei soggetti, che caratterizzano spiccatamente i lavori del Ripari. Il migliore dei quadri, a parer nostro, è il ritratto di bambina, somigliantissimo, vivo, reso con pennellate larghe e sicure e con una grande morbidezza di tinte.

    Anche negli altri quadri si rivela la maniera del Ripari, che, sotto, un certo aspetto, procede dal Cremona, ha qualità comuni col Mosè Bianchi di Monza, possiede ingegno e coltura di provetto artista. I suoi quadri, come quelli che appartengono alla giovane scuola, non si possono descrivere nè spiegare. La parola si rifiuta a ripetere i sentimenti che ispirarono l’artista. Non abbiamo in questi dipinti l’impasto inarrivabile del Cremona, le sfumature, l’iride dei colori; però la tavolozza più limitata ed uniforme ha una lodevole omogeneità, e la pennellata franca non trascende mai in quelli eccessi, pei quali molti quadri sono tramutati in sgorbi indecenti».

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example