Hai cercato

Pittore

Angelo Torchi


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Angelo Torchi

( Massa Lombarda 1856 - 1915 )

Pittore

    Angelo Torchi

    Il dipinto, che pare ambientato a Capri, è plausibilmente da identificare con una delle opere esposte alla Promotrice fiorentina del 1881, in particolare Tra gli ulivi (dal vero). Appartiene a una precisa tappa formativa dell’artista romagnolo che, dopo l’apprendistato a Firenze presso Lorenzo Gelati, decide, ventiquattrenne, di trasferirsi a Napoli in compagnia di Attilio Pratella.

    Siamo tra il 1880 e il 1881, anni in cui, sulla strada tracciata da Resina, il luminismo partenopeo sortisce gli esiti più sorprendenti, evoluzione internazionale dei principi della macchia e della diffusione della scintillante tecnica fortuniana. Il temperamento pittorico di Torchi, naturalmente incline alla pacatezza dei toni e alla delicatezza degli accordi cromatici (De Grada 1963), non rimane indifferente al richiamo dei vibranti contrasti di luce offerti della costa partenopea, dal suo sole accecante e dai pittoreschi motivi locali.

    Il nuovo maestro a cui si affida a Napoli, Alceste Campriani, è tra i protagonisti della pittura di luce napoletana degli anni settanta-ottanta e, non a caso, grazie alla mediazione dell’amico De Nittis, stringe un contratto che lo lega a Goupil fino al 1884. Campriani, e con lui artisti come Antonino Leto, guida in questi anni la riscossa internazionale del paesaggismo meridionale, cristallizzato in immagini solari in cui popolo e natura appaiono in armonia, ‘sublimati’ da una radiosa luce bianca che sottrae i soggetti alla dimensione problematica del dibattito sociale contemporaneo per considerarli oggetti di studio, fissati con una tecnica disinvolta e brillante.

    Torchi, che pure cambierà presto rotta per affidarsi, nuovamente a Firenze, al magistero di Silvestro Lega, mostra per ora di aderire alla nuova maniera: Tra gli ulivi (dal vero) è infatti uno schietto e rigoroso studio sul motivo, una pura tranche de vie in cui la piccola raccoglitrice appare comprimaria insieme ai contorti tronchi d’ulivo ritagliati sullo sfondo di un cielo e di un mare cristallini. Scriveva Guido Carocci su “Arte e Storia” del 1882 che Torchi “in quei suoi ricordi di Napoli ha impressa tutta la vivacità, tutta la luce sfolgorante del golfo partenopeo.

    C’è un effetto d’ombre e di chiari squisitamente vero, c’è una prospettiva aerea, un avanti-indietro riuscitissimo” (Carocci 1882, p. 228). Tra gli ulivi (dal vero) è uno dei pochi dipinti noti del soggiorno partenopeo, insieme a Fichi d’India a Capri e Motivo di Capri, dove un contadino è ritratto sotto intensi giochi di luce e ombra. Rimangono inoltre alcuni titoli come Villa Reale (Napoli) e Mergellina (Napoli) esposti a Firenze nel 1882, o Capri con ragazzi, Capri con vecchio contadino e Capri con fruttaiola, presentati a Torino nello stesso anno.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Angelo Torchi


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.