Hai cercato

Pittore

Cesare Augusto Detti


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Cesare Augusto Detti

( Spoleto 1847 - 1914 )

Pittore

    Cesare Augusto Detti

    Cesare Augusto Detti nasce a Spoleto nel 1847. Molto giovane, si trasferisce a Roma, dove diviene allievo di Francesco Podesti, di Francesco Coghetti e di Mariano Fortuny. Si specializza subito nella pittura di genere e di costume, utilizzando una tavolozza variegata e luminosissima, influenzato dal linguaggio di Fortuny. Ben presto, ancora giovanissimo, fa breccia nel gusto di ricchi collezionisti borghesi, attratti dall’agilità della pennellata, dalla sicurezza tecnica, dalla leggerezza tematica, ma soprattutto dalla brillantezza cromatica.

    Inizialmente utilizza soprattutto l’acquarello, che gli permette di realizzare dipinti vibranti e movimentati, poi passa all’olio. La sua produzione si basa prevalentemente sul gusto dell’imitazione della pittura neofiamminga, coniugandola ai virtuosismi pittorici di Jean-Louis Ernest Meissonier. Dà vita dunque ad una pittura manierata e ricca di note cromatiche chiarissime, provenienti dai dipinti più alla moda di Fortuny.

    Negli anni Settanta, si trasferisce a Parigi, dove riceve numerose committenze da collezionisti, grazie all’intervento del mercante d’arte Adolphe Goupil, che lo introduce nel mercato della pittura alla moda, non solo francese, ma anche inglese e d’oltreoceano. Il successo lo porta ad esporre ai Salon parigini per circa un decennio, mentre nel frattempo non manca di partecipare alle principali mostre italiane: nel 1877 invia all’Esposizione Nazionale di Napoli L’addio alla Patria e Il riposo, all’Esposizione di Torino del 1880 Bottino di guerra Perduti fra la nebbia e a Milano nel 1881 L’orfanella.

    A Parigi, invece, realizza soprattutto dipinti raffinati e leziosi, in costume o ambientati nella contemporaneità. Ne sono esempio Trois bon amisLe ticheurUn mariageLa lezione di musicaLo zio riccoUna signora venezianaGiovani virtuosiL’indovina delle carte, conservata a Parma.

    Nel 1906,  partecipa all’Esposizione Nazionale di Milano per il Traforo del Sempione con Ballo dell’Opéra-ParisRaggio di solePreghiere della sera. L’ acquarello, L’innamorato addormentato è stato acquistato dal Museo di Sidney, mentre diversi sue tele hanno avuto un grandissimo successo di mercato a New York, tra cui I foraggieriLa ricreazione del Cardinale e Vita gradevole. Passa pochissimi anni in Italia, muore a Parigi nel 1914.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Cesare Augusto Detti


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.