Hai cercato

Pittore

Cesare Bertolla


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Cesare Bertolla

( Lucca 1845 - Roma 1920 )

Pittore

    Cesare Bertolla

    Il dipinto qui presentato può essere considerato una delle opere più rappresentative di Cesare Bertolla, maestro dai natali lucchesi ma attivo con regolarità a Roma, ed è possibile anche identificarlo con La Porta S. Lorenzo che il maestro inviò, assieme a La Porta del Cristiano in Marocco e a Le bufale nella pineta, alla Mostra internazionale di Roma del 1883. Nei rari lavori conosciuti, Bertolla si dimostra paesaggista dotato di un linguaggio realista ben saldo, fortificato dall’aggiornamento sulle esperienze barbizonniers, e particolarmente attento al ben calibrato studio della luce naturale, suo virtuosistico leit motiv. Amico dei pittori dei XXV della Campagna Romana, da Enrico Coleman a Onorato Carlandi, fu assiduo frequentatore dell’ Omnibus del Caffè Greco. Ebbe il suo studio in via Nazionale 255 e presenziò con assiduità le maggiori esposizioni italiane a partire dal 1875, anno con il quale esordì alla mostra degli Amatori e Cultori di Roma con Strada di campagna con biroccio.

    In seguito dopo un breve periodo in cui si dedicò anche alla pittura di genere sulla scia dell’esempio di Pio Joris (In bocca al lupo esposto a Roma nel 1879) si appassionò alla pittura all’aria aperta indagando Roma e i suoi dintorni, concentrandosi in particolar modo negli effetti luministici e nella resa della vegetazione sempre pastosa e mossa. La sua produzione, dunque, annovera soggetti ispirati per lo più ai luoghi laziali (Al laghetto dei Tartari, Fiori di primavera, Avanzi del porto di Anzio, Amatori e Cultori di Roma del 1882), ma non mancano anche motivi tratti dai viaggi in Oriente, in Sabina (Pei monti della Sabina, Amatori e Cultori di Roma del 1880), a Venezia (Un canale a Venezia, Amatori e Cultori di Roma del 1900) e in Abruzzo (Casa rustica in Abruzzo, Promotrice di Torino del 1881).

    Testimonianze fotografiche dell’epoca rivelano l’assoluta fedeltà al vero, di carattere quasi documentaristico, di questa Porta San Lorenzo o Porta Tiburtina dove con efficacia è ritratta una tranche de vie della Roma dell’epoca. Nell’opera poi accanto alle indubbie qualità disegnative risaltano sia la lama di luce radente che fuoriesce dalla porta che il rosso vivido del cancello di legno, entrambi motivi pittorici di grande efficacia. Presso la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Roma è conservata dell’autore una Caccia in palude, di dimensioni simili al dipinto qui presentato, che fu acquistato nel 1917 in occasione della LXXXVI Esposizione degli Amatori e Cultori.

     

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Cesare Bertolla


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.