Hai cercato

Pittore

Beaumont Claudio Francesco


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Beaumont Claudio Francesco

( Torino 1694 - 1766 )

Pittore

    Beaumont Claudio Francesco

    Claudio Francesco Beaumont nacque a Torino dove studiò presso i gesuiti grammatica, retorica, matematica e architettura. Grazie a un soggiorno a Bologna entrò in contatto con i lavori dei Carracci, e nello stesso 1716 si recò a Roma presso Trevisani. Quest’ultimo contatto lo portò presso i circoli intellettuali, i laboratori del nuovo gusto per la natura filtrata attraverso gli esempi classici. Sono questi i codici figurativi dell’Accademia dell’Arcadia.

    Il soggiorno a Roma ebbe particolare successo anche grazie al finanziamento della corte sabauda che si teneva aggiornata sull’operato dell’artista tramite le relazioni dei ministri. Tra il 1719 e il 1723 ottenne commissioni a Torino per il Palazzo Reale, il Carro dell’Aurora è il dipinto posto sul soffitto di cui si occupò.

    Lavorò attivamente anche presso la provincia: La Madonna con Bambino e Santa ne è un esempiofu eseguita per la chiesa di San Francesco nella cappella della Beata Paola, a Benevagenna. Prima del ritorno a Roma, datato 1723, venne nominato priore della Confraternita. La corte sabauda fu molto generosa nei confronti dell’artista, gli commissionò opere per La Reggia Torinese e il Castello Rivoli con opere raffiguranti: SofonisbaIl ratto di ElenaSan Giovanni Battista e San Pietro.

    Inoltre gli assegnò uno stipendio annuale da pittore di duemila lire. Sono documentati i diversi trasporti delle opere, da Roma verso Torino, attraverso il registro discarichi del 1730 e attraverso le diverse lettere dei ministri, inviate l’8 e il 25 novembre da Roma.

    Sono citate all’interno di questa documentazione la Beata Margherita di Savoia davanti a Cristo, opera i cui schizzi preparatori sono attualmente al Museo Civico di Torino; San Carlo comunica agli appestati anche questo, come la suddetta opera, destinato alla chiesa di Superga.

    Nel 1731 venne nominato pittore di corte e gli venne commissionata la decorazione della camera da lavoro e del gabinetto di toeletta, al primo piano di Palazzo Reale. Raggiunto tale prestigio sociale il pittore iniziò un’attività che lo vide creatore di una serie di abbozzi a olio poi ingranditi in cartoni dai suoi allievi.

    Si trattava di modelli per la tessitura delle serie dei panni prodotti dalla manifattura torinese. L’artista elaborò sempre un linguaggio non conforme ai principi accademici, il che gli procurò il disaccordo della critica, come testimonia il Lanzi. Oltre all’attività di elaborazione di modelli per la tessitura, l’artista fu a lavoro in provincia con opere a destinazione chiesastica. Beaumont morì nel 1766.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.