Hai cercato

Pittore

Evangelina Alciati


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Evangelina Alciati

( 1883 - 1959 )

Pittore

    Evangelina Alciati

    Evangelina Emma Alciati nasce a Torino nel 1883. È stata la prima donna ad essere iscritta all’Accademia Albertina. Qui studia al seguito di Giacomo Grosso e si diploma nel 1903, orientandosi sin da subito verso il ritratto. Terminati gli studi, passa un periodo di due anni a Parigi, dove stringe amicizia con Giovanni Boldini. Negli anni francesi, però, si avvicina molto anche al linguaggio vaporoso ed evanescente, a tratti drammatico, di Eugène Carrière.

    Tornata in Italia nel 1906, sposa l’artista Anacleto Boccalatte ed inizia un’intensa attività espositiva. Esordisce alla promotrice di Torino del 1907, partecipandovi poi con regolarità fino al 1941. Già da questa prima esposizione si intuisce l’indirizzo tematico di Evangelina Alciati: si dedica soprattutto al ritratto, per poi approdare anche al paesaggio e alla natura morta in un secondo momento.

    Il ritratto, il genere identificativo della pittrice

    Il successo non giunge però immediato; bisognerà infatti aspettare la Biennale di Venezia del 1912 perché l’artista venga riconosciuta dalla critica. Vi presenta due variazioni di un Ritratto di signora, inaugurando la sua fiorente stagione espositiva tra Torino, Venezia, Roma, Milano e Genova. Se inizialmente nei suoi ritratti si notava eccessivamente l’impronta pittorica accademica ereditata dal suo maestro Giacomo Grosso, dagli anni Dieci, il suo linguaggio si personalizza.

    Contribuiscono a questo sviluppo non solo i contatti con Boldini, ma anche la caratterizzazione sentimentale e psicologica a cui approda grazie ad un viaggio a Roma, quando entra in profondo contatto con il clima della Secessione. In questi anni condivide le sue esperienze artistiche e private con artisti quali Felice Carena e Armando Spadini, che di lì a poco saranno protagonisti del ritorno all’ordine.

    Una pittura sintetica ed introspettiva

    In questi anni il suo tratto si fa sincero e tagliente, ereditando tanto suggestioni secessioniste quanto tratti disegnativi cézanniani o gauguiniani. Presenta Ritratto alla Mostra della Secessione romana del 1915 e, dopo la Prima guerra mondiale, ritorna ad esporre Studio di falciatore alla Biennale di Venezia del 1922.

    Gli anni Venti rappresentano un momento di passaggio, poiché l’artista giunge anche al paesaggio e alla natura morta e soprattutto al medium del pastello, che utilizza con uno spiccato senso sintetico e un grafismo personale e veloce. Maria PieraIl mio nipotinoL’abito verdeMadre col bambinoScena familiare e La cucitrice dormiente compaiono in una sua personale presso la Galleria Chierichetti di Milano nel 1926. Mentre a Genova, l’anno successivo, presenta le due nature morte Fiori e Frutta.

    Tutti gli anni Trenta sono caratterizzati dalle sue partecipazioni alle mostre del Sindacato Fascista di belle Arti di Torino. Nel 1935 vi espone Ritratto e Fiori, per poi continuare con una lunga serie di ritratti e nature morte fino agli anni Quaranta. In quest’ultimo periodo la sua tavolozza si fa notevolmente più scura, cambiamento forse da attribuire all’improvvisa morte del figlio per un incidente in montagna. Muore a Torino nel 1959.

    Elena Lago

    LEGGI TUTTO

    Opere di Evangelina Alciati


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.