Hai cercato

Pittore

Vincenzo La Bella


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Vincenzo La Bella

( Napoli 1872 - 1954 )

Pittore

    Vincenzo La Bella

    Vincenzo La Bella nasce a Napoli nel 1872. Si forma presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli al seguito di Gioacchino Toma e Domenico Morelli. Esordisce in seno al verismo napoletano alla Promotrice del 1890, presentando Tipi dal vero. Due anni dopo compie un viaggio a Parigi, dove comincia a lavorare nel campo dell’illustrazione, collaborando alla rivista “Le Monde Illustré”, occupandosi di scene di vita quotidiana caratterizzate da un tratto libero e sciolto.

    La lezione di Morelli, passata per la leggerezza tematica e cromatica di Fortuny e mediata dall’illustrazione di Toulouse Lautrec a Parigi, lo portano a realizzare le illustrazioni dei Racconti straordinari di Edgar Allan Poe.

    Intorno al 1897 torna a Napoli e partecipa subito all’Esposizione con una serie di disegni proprio tratti dal lavoro dedicato a Poe, Montresor incontra FortunatoRitratto di bambinoDanza macabraOmbra e La maschera della morte rossa. Nel frattempo, però, si dedica anche alla pittura, prediligendo scene tratte dalla quotidianità napoletana, contraddistinte da un forte contrasto chiaroscurale e da una pennellata corposa e vibrante, carica di colore.

    Alla fine dell’Ottocento illustra un libretto sui martiri napoletani del 1799 e La prostituzione a Napoli nei secoli XV, XVI e XVII testo di Salvatore Di Giacomo. Nel 1902 partecipa poi alla I Esposizione del Bianco e Nero promossa dalla Società degli Amatori e Cultori di Belle Arti, con due illustrazioni della Divina Commedia. Tra il 1903 e il 1904 si trasferisce a New York, sempre per lavorare come illustratore in alcuni organi di stampa locali.

    Rientrato a Napoli, nel 1911 partecipa alla Promotrice con una serie di scene quotidiane dal carattere mondano, sempre trattate con un segno ampio e una pennellata consistente: In SocietàProcessioneUna sera del Carnevale di VeneziaFuori la vecchia chiesa. L’anno successivo invece espone BambinaFantasmiRococò e Finale d’opera e nel 1913 I due fratelli e Processione.

    Continua nel frattempo la sua attività di illustratore per testate come “Il Mattino illustrato” e “Varietas”. Nel 1915 espone NotturnoMaschere antiche Carnevale e nel 1922 partecipa all’Esposizione napoletana con Il matrimonio di CenerentolaUna processione Un vicolo e alla Fiorentina Primaverile con MascherataDalle Mille e una notte e A Basso Porto. Negli ultimi anni si dedica anche alla decorazione di interni e alle arti applicate. Il 1926 lo vede esporre alla Biennale veneziana Un vicolo della vecchia Napoli, uno dei suoi oli più famosi. Si dedica all’illustrazione fino agli anni Quaranta. Muore a Napoli nel 1954.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Vincenzo La Bella


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example