Hai cercato

Pittore

Ezechiele Acerbi


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Ezechiele Acerbi

( Pavia, 1850 - 1920 )

Pittore

    Ezechiele Acerbi

     Ezechiele Acerbi, nipote del pittore Pasquale Massacra, si forma presso la Scuola Civica di Pittura di Pavia, dove studia al seguito di Giacomo Trécourt. Nei primi anni, il linguaggio del giovane si rifà princesto una produzione di genere di grande carattere, ispirata alla vita pavese e milanese. Infatti, negli anni Ottanta riesce a trasferirsi nella capitale lombarda, dove si mantiene dando lezioni di pittura e realizzando ventagli decorati, che gli permettono di rimanere lì per poco meno di dieci anni.

    All’Esposizione di Torino del 1878 invia Le mendicanti, mentre alla quella Nazionale di Belle Arti di Milano del 1881 presenta Serio, se vuoi il ritratto. Tornato a Pavia alla fine degli anni Ottanta, Ezechiele Acerbi si dedica ad una produzione tutta incentrata sul paesaggio pavese e sugli scorci più caratteristici della città, dove ambienta tutte le scene bozzettistiche della quotidianità.

    A questo aggiornamento tematico corrisponde anche un rinnovamento pittorico: il colore, che ormai non risente più dell’influsso di Giacomo Trécourt, viene steso tramite pennellate rapide e sciolte, dando vita ad un impressionismo aggraziato e brillante, ricco di soluzioni ardite. Un tocco particolarmente fresco, dato anche dagli originali accordi cromatici, caratterizza tutta la sua produzione più matura.

    Nel 1898 espone La preghiera presso l’Esposizione Nazionale di Torino, un dipinto delicatissimo e caratterizzato da una lodevole scioltezza ed intensità emotiva. Umili personaggi popolano scene quotidiane quali L’orologiaioLa vigilia della SagraLa famiglia del contadoLa ricreazione di una monacaIl veteranoLa balia di DeliaOre quiete.

    La sua vita, caratterizzata soprattutto in età avanzata da difficoltà economiche, lo costringe a svolgere altri lavori accanto a quello di pittore. Si dedica infatti all’attività di fotografo, disegnatore e ritrattista, riuscendo a mantenersi fino agli anni Dieci del Novecento con dipinti come AutoritrattoLa zia del pittoreLa signora Letizia CampariIl Conte San Giuliani. La gran parte di questi dipinti ora si trova nei Musei Civici di Pavia. L’artista muore nella sua città natale, nel 1920, a settant’anni.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Ezechiele Acerbi


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.