Hai cercato

Pittore

Vittorio Matteo Corcos


Sei interessato alla vendita o all'acquisto delle sue opere?

Acquistiamo opere di questo artista

e di altri pittori e scultori dal XVI secolo sino alla prima metà del XX secolo

La galleria Berardi offre un servizio gratuito e senza impegno di valutazione di opere di arte antiche e moderne. Per orientarsi nel mercato dell'arte, assai complesso e pieno di sfumature, è meglio affidarsi ad un consulente professionista che sappia rispondere in maniera veloce e concreta alle tue esigenze. La chiarezza delle risposte risolverà in maniera efficace la necessità di stimare o mettere in vendita un bene.

Contattaci immediatamente senza impegno

Risposte anche in 24 ore:

Telefono

06.97.606.127

E-mail

info@berardiarte.it

Whatsapp

347.783.5083

Vittorio Matteo Corcos

( Livorno 1859 - Firenze 1893 )

Pittore

    Vittorio Matteo Corcos

    Studia presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze seguendo i corsi di Enrico Pollastrini. Riesce poi a passere un periodo di studio Napoli, dopo aver ottenuto una borsa di studio: qui entra in contatto con Domenico Morelli, che rimarrà sempre un artista di riferimento per Matteo Corcos. Specialmente in questa fase, si nota l’influenza del maestro napoletano, come risulta evidente dal dipinto Arabo in preghiera, esposto alla Promotrice napoletana del 1880 e acquistato dal re Umberto I.

    Nello stesso anno, Corcos decide di recarsi a Parigi per un ulteriore perfezionamento: viene completamente coinvolto nel turbinio della vita mondana parigina, in cui frequenta salotti e stringe amicizia con artisti e letterati.

    Il contratto con la Maison Goupil giunge rapido: durerà dal 1880 per quindici anni, rispondendo perfettamente le opere di Corcos al gusto Goupil. Ben presto infatti, il contatto con Léon Bonnat o con Giovanni Boldini lo porta all’elaborazione di una pittura charmant dal carattere accattivante e leggero. Ritratti e ambientazioni mondane emergono comunque da una trattazione colta e raffinata, derivata anche dal rapporto con Giuseppe De Nittis.

    Una tavolozza sgargiante e dai toni chiari caratterizza i suoi dipinti dalla pennellata libera e sciolta, come avviene ne Le convittrici in chiesa, primo dipinto esposto da Goupil nella sua vetrina parigina. Durante gli anni di permanenza in Francia, Corcos non manca di partecipare ai Salon presentandovi opere alla moda come Il ventaglio di piume o Lune de miel, 

    Rientrato a Firenze nel 1886 incontra un immediato successo con i suoi ritratti mondani dal carattere elegante e delicato. La moglie Emma contribuisce alla sua ascesa e alla sua popolarità tra i committenti borghesi: anima il salotto della loro casa fiorentina, frequentato dai più importanti intellettuali del tempo. L’artista soggiorna spesso in Inghilterra o in Scozia, richiestissimo dai collezionisti desiderosi di avere un suo ritratto. A Firenze firma un contratto con il mercante Luigi Pisani e realizza numerosi ritratti come quello della Contessa Annina Morosini, della Contessa Nerina Volpi di Misurata, di Silvestro Lega o di Carducci.

    Donne eleganti e raffinate compaiono nella sua produzione, fino a giungere ad uno dei suoi dipinti più famosi e importanti, Sogni, presentatoallaFesta dell’Arte e dei Fiori di Firenze del 1896. In questo dipinto, simbolo della donna fin de siècle appare già un accenno alla linea liberty, confermato poi in Tre sorelle del 1899. Nel 1904 si reca in Germania per realizzare il Ritratto di Guglielmo II, mentre pochi anni dopo realizza quello di Margherita di Savoia. Muore nel 1933 a Firenze.

    LEGGI TUTTO

    acquisto opere artisti e stima pittura e scultura

    Opere di Vittorio Matteo Corcos


    Altri artisti che potrebbero interessarti

    Iscriviti alla newsletter per ricevere le mostre in preparazione e le nuove acquisizioni!

    Il sito viene aggiornato costantemente con opere inedite dei protagonisti della pittura e della scultura tra Ottocento e Novecento.

    Example

    © Copyright Berardi Galleria d'Arte S.r.l.